Ad essere influencer questa volta sono le persone comuni: con PopulaRise l’influencer marketing non è mai stato così democratico 1

Ad essere influencer questa volta sono le persone comuni: con PopulaRise l’influencer marketing non è mai stato così democratico

La piattaforma, tramite AI, “affitta” il proprio profilo, indipendentemente dal numero di follower, suggerendo all’utente sfide quotidiane per mettere in mostra le proprie doti creative in cambio di crediti.

Secondo il report annuale “Digital Trend 2023” presentato da We Are Social, in collaborazione con Meltwater, emerge che ben l’87% della popolazione in Italia è sui social. In media, in un mese un italiano accede a sei differenti piattaforme. La maggioranza degli utenti si connette per intrattenimento (46%); trovare ispirazione sulle cose da fare (30%) o sui prodotti da acquistare (22%). E quando si tratta di cercare informazioni sui brand d’interesse, per il 59% delle persone i social network rappresentano il canale preferenziale.

Il passaparola, si fa oggi molto più amplificato grazie ai social network, rafforzato anche dall’avvento dell’influencer marketing. La curiosità degli utenti al giorno d’oggi, è catturata da ciò che fanno gli influencer, più o meno famosi, che di fatto hanno reso il passaparola virtuale.

E a rendere democratico questo trend ci ha pensato PopulaRise, una piattaforma nata dall’idea di Andrea Croce, CEO, che permette ad ogni persona di diventare brand ambassador grazie al proprio profilo, indipendentemente dal numero di follower. Si ottengono così dei crediti che saranno in proporzione alla capacità di coinvolgimento della propria community, composta per lo più da amici e conoscenti, ovvero ingaggiando persone comuni.

Grazie all’ausilio dell’intelligenza artificiale infatti è possibile proporre le azioni solo agli utenti più adatti, la piattaforma è in grado di gestire e indirizzare gli utenti proponendo loro azioni da completare quotidianamente. Confrontando in maniera automatizzata le performance nelle diverse campagne e la tipologia di followers, semplificando così le condivisioni e la ricerca di nuovi talenti.

«In PopulaRise, sono le aziende che scelgono il target di riferimento, impostando la loro campagna in maniera molto specifica, sulla base degli interessi, della geolocalizzazione, della fascia di età”. Spiega Andrea Croce e continua “La piattaforma, in modo automatico, andrà a selezionare gli utenti più performanti che partecipano a quella campagna, più visualizzazioni riusciranno ad assicurare al cliente, più guadagneranno.»

Il vantaggio di una community fatta da persone comuni

Il successo delle piattaforme basate sugli interessi delle singole persone sta aumentando perché stanno cambiando i comportamenti e i modi con i quali si interagisce con i social. Oggi l’attenzione è verso lo storytelling, e a quello che ha a che fare con l’approccio umano.

Gli utenti seguono una determinata persona popolare sui social network perché si fidano, provando la sensazione di avere a che fare con un amico. PopulaRise ingaggia persone comuni seguite soprattutto dalla propria cerchia di amici e conoscenti, scaricando l’App infatti, l’utente avrà accesso alle campagne, e potrà scegliere quelle alle quali partecipare. Una volta abilitati alla campagna si potranno pubblicare i contenuti attraverso i propri canali social, seguendo le indicazioni che si trovano in ogni scheda della campagna.

L’intelligenza artificiale della piattaforma suggerirà le azioni da intraprendere come ad esempio pubblicare una Instagram stories, un reel o un semplice post. Gli utenti della partecipano a sfide per mettere in mostra le proprie doti creative, fornendo così alle aziende clienti solo contenuti di qualità. Grazie alle condivisioni, sarà possibile accumulare crediti che potranno essere convertiti e utilizzati nell’apposita sezione marketplace. Molteplici i buoni sconto e le agevolazioni proposte a disposizione dell’utente.

Molti di loro hanno già potuto aderire alle campagne di UTravel, Giant, Alfasigma, ITSCosmo, FitUp, Gruppo Vegè e tanti altri.

Raggiungere 300mila euro di fatturato, 50mila utenti e raddoppiare l’organico: il 2023 di PopulaRise

Con all’attivo una raccolta di 185 mila euro, PopulaRise nel 2023 punta ad arrivare ai 300 mila euro di fatturato, acquisendo 15 grandi clienti che gli consentiranno di allargare la community e velocizzare la crescita.

La community di PopulaRise conta già oltre 6.000 utenti, con una fanbase complessiva di 35 milioni di follower. L’obiettivo è quello di raggiungere entro la fine dell’anno 50mila utenti, e toccare quota 200 mila entro il 2024.

A attestare la crescita di PopulaRise è anche l’inserimento all’interno del percorso di accelerazione Italian Lifestyle, per sviluppare e mettere in pratica idee e progetti innovativi in settori centrali per il Made in Italy. Il team,che ad oggi annovera 10 risorse, conta di consolidarsi e raddoppiare l’organico nei dipartimenti strategici. Concentrandosi nei settori di ricerca e sviluppo, per cogliere nuove opportunità tecnologiche.

PopulaRise

PopulaRise è la prima piattaforma di Popular People Marketing, startup nata nel 2021 dall’idea di Andrea Croce, che offre alle aziende campagne di influencer marketing altamente performanti; in collaborazione con la propria community, in cui migliaia di persone sono disposte a condividere contenuti nei propri profili social in cambio di crediti, che potranno essere convertiti e utilizzati nell’apposita sezione marketplace.

This will close in 20 seconds

Translate »