Alimentatore PC economico o costoso? Ecco la risposta 1
il prezzo di un alimentatore PC

Alimentatore PC economico o costoso? Ecco la risposta

Sebbene la scelta dell’alimentatore PC passi spesso in secondo piano, in realtà è molto importante. Siamo d’accordo: l’alimentatore non influisce direttamente sulle prestazioni del computer, ma andare al risparmio è davvero la cosa giusta da fare?

Sul mercato esistono dozzine di modelli con caratteristiche (a prima vista) simili e un prezzo completamente diverso. Alcuni preferiscono andare sul sicuro e acquistare un alimentatore PC di ottima qualità, altri optano per l’articolo più conveniente.

Nel post di oggi indaghiamo le conseguenze di questa scelta e diamo qualche suggerimento su come valutare il valore reale del prodotto che stai per comprare.

Alimentatore PC economico o costoso? Ecco la risposta 2

[il prezzo di un alimentatore PC]

Potenza dell’alimentatore PC dichiarata VS reale

Qui si evidenzia la prima grande differenza tra modelli economici e costosi. Dando uno sguardo alle specifiche di un alimentatore a basso costo potremmo vedere una potenza dichiarata di 450 W. Esaminando più a fondo, potremmo scoprire che il modello in questione garantisce 120 W sulle linee 3.3 V e 5 V (che nei PC moderni sono praticamente senza carico), e solo 360 W sulla linea 12 V, cioè la più importante.

Ciò significa che questo alimentatore PC economico non sarà in grado di fornire la potenza indicata. Gli alimentatori di qualità, al contrario, concentrano quasi tutta la potenza disponibile sulla linea 12 V.

Ne consegue che, a volte, un alimentatore costoso anche a bassa potenza risulta essere migliore di uno economico con specifiche più “invitanti” che, se sfruttato a carico massimo, potrebbe non solo surriscaldarsi, ma addirittura fondersi.

Efficienza e certificazione 80 PLUS

La differenza tra un alimentatore PC economico e uno costoso è particolarmente evidente quando si confrontano i loro valori di efficienza. Nella maggior parte dei modelli economici, l’efficienza raggiunge solo il 75%. Quindi, il 25% della corrente ricevuta si trasforma in calore inutile, riscaldando l’interno del computer.

I modelli più costosi spesso ottengono la certificazione di efficienza energetica 80 PLUS. Questa richiede un livello minimo di efficienza dell’80-82% per il livello base fino al 94-95% per il livello Titanium.

L’efficienza energetica è importante per tutti i componenti di un computer, non solo per l’alimentatore. La conformità agli standard 80 PLUS Gold e superiori può essere raggiunta solo attraverso l’uso di componenti elettronici di altissima qualità che, per ovvie ragioni, hanno un prezzo più alto.

Affidabilità e durata

Così come tanti altri dispositivi elettronici, l’alimentatore PC si usura nel tempo. In particolare, la sua componente più debole sono i condensatori con elettrolita liquido che, col passare degli anni, si seccano o si gonfiano a causa del riscaldamento.

I modelli costosi utilizzano condensatori di alta qualità in grado di funzionare a temperature elevate molto più a lungo dei condensatori prodotti da aziende poco conosciute che durano nella migliore delle ipotesi solo per due o tre anni.

Rumore e riscaldamento dell’alimentatore PC

Abbiamo appena visto come il riscaldamento influisce sui condensatori. Ebbene, un altro parametro importante da considerare durante la scelta dell’alimentatore è la qualità della ventola utilizzata per il raffreddamento.

In molti alimentatori economici vengono installate ventole con cuscinetti a basso costo che, dopo aver funzionato per qualche anno, si consumano e iniziano a fare rumore. I modelli costosi, invece, sono provvisti di ventole durevoli con cuscinetti idrodinamici di ottima qualità.

Negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre di più gli alimentatori a raffreddamento semi-passivo. Si tratta di modelli di qualità superiore in cui la ventola non gira affatto fino al raggiungimento di una determinata temperatura o di un certo valore di carico. Ciò consente di ottenere un computer assolutamente silenzioso.

Cavi e modularità

Solitamente, i modelli economici utilizzano fili corti, più difficili da nascondere. Al contrario, quelli costosi possono vantare fili lunghi e facili da posare dietro la parete posteriore del telaio. Inoltre, molti alimentatori costosi sono modulari e prevedono la possibilità di sganciare o aggiungere facilmente cavi per connettere una scheda video aggiuntiva, ad esempio.

Translate »