NewsAndroidSicurezza

Android consente un attacco Man-in-the-Disk!

Android consente un attacco Man-in-the-Disk! 1

Il team di ricerca di Check Point Software Technologies, uno dei principali fornitori mondiali di soluzioni di cybersecurity, ha riscontrato alcuni difetti nel modo in cui le app utilizzano le aree di archiviazione all’interno dei sistemi Android.

Questo uso incauto della memoria esterna da parte delle applicazioni potrebbe aprire una porta d’ingresso agli hacker e permettere il verificarsi di azioni poco piacevoli, quali: l’installazione sul cellulare di app non richieste, potenzialmente dannose, interrompere il servizio di app legittime o causare in modo anomalo l’arresto di altre applicazioni, aprendo la porta a possibili iniezioni di codice che verrebbero quindi eseguiti all’interno dell’app attaccata.

 

Questi attacchi Man-in-the-Disk sono resi possibili quando le applicazioni utilizzano una memoria esterna che non si avvale della protezione sandbox di Android e non applicano in maniera autonoma delle misure di sicurezza. Molte applicazioni, infatti, non conservano i dati all’interno della sandbox di Android, ma li archiviano in memorie esterne, sia che si tratti di una partizione della memoria del dispositivo sia che si tratti di schede SD esterne.

 

La nuova superficie di attacco individuata dai ricercatori di Check Point permette, così, a un malintenzionato di accedere e di infilarsi all’interno della memoria esterna. Nascondendosi dietro un’app dall’aspetto innocuo scaricata dall’utente, il criminale informatico monitora i dati tra qualsiasi altra app presente sul cellulare e la memoria esterna sovrascrivendoli con i propri dati in modo tempestivo e provocando così un comportamento sbagliato da parte dell’applicazione e, di conseguenza, danni ai proprietari dei dispositivi.

 

Le applicazioni che, purtroppo, sono state testate e hanno risposto positivamente alle vulnerabilità sono Google Translate, Yandex Translate, Google Voice Typing, LG Application Manager, LG World, Google Text-to-Speech e Xiaomi Browser.

 

Per maggiori dettagli su questa nuova scoperta da parte del team di Check Point Software Technologies, è possibile consultare il blog post (in inglese): https://blog.checkpoint.com/2018/08/12/man-in-the-disk-a-new-attack-surface-for-android-apps/

Leave a Response

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<