Biennale Tecnologia 2024: Utopie realiste | Torino, 18-21 aprile 2024 1

Biennale Tecnologia 2024: Utopie realiste | Torino, 18-21 aprile 2024

IV edizione Torino da giovedì 18 a domenica 21 aprile 2024 – Oltre 160 appuntamenti con 280 ospiti da tutto il mondo.

Tra i tanti ospiti della IV edizione: 
Telmo Pievani, Roma Agrawal, Paolo Benanti, Tito Boeri, Pascal Chabot, Wendy Hui Kyong Chun, Yasuo Deguchi, Paolo Di Paolo, Cory Doctorow, Enrico Giovannini, Christian Greco, Anne L’Huillier, Loredana Lipperini,  Davide Livermore, Riccardo Luna, Carlos Moreno, Nanjala Nyabola,  Harry Parker, Carlo Ratti, Bruce Sterling, Chiara Valerio, Ersilia Vaudo Scarpetta, Gustavo Zagrebelsky.
 

Torna a Torino per la sua quarta edizione Biennale Tecnologia, manifestazione culturale organizzata dal Politecnico di Torino e dedicata a esplorare il rapporto tra tecnologia e società, per la prima volta nel periodo primaverile da giovedì 18 (con pre-inaugurazione mercoledì 17a domenica 21 aprile.
Il titolo scelto per questa edizione è Utopie realiste, tema complesso e attuale, che vuole immaginare il futuro in forma utopica, trasformando l’idea in progettualità. Biennale Tecnologia invita un pubblico di ogni età a gettare lo sguardo verso prospettive future – visionarie e concrete allo stesso tempo – per immaginare insieme nuovi mondi possibili.

I 160 appuntamenti offriranno al pubblico la possibilità di prendere parte gratuitamente a lezioni, dibattiti, incontri, mostre e spettacoli per riflettere sui temi più attuali nel dibattito contemporaneo, come energiasostenibilitàrischi ambientaliintelligenza artificialesviluppo economicolavoro, oltre ad analizzare più nel dettaglio la storia e l’evoluzione della tecnologia anche nelle altre culture, e ancora guerra e pacemobilitàsalutenuovi modelli di sviluppo e nuove frontiere. Un ricco programma con l’obiettivo di colmare il divario tra le scienze tecnologiche e le scienze umane, nella forte convinzione del binomio, che diventa motto della manifestazione: “Tecnologia e/è umanità”.  

IL PROGRAMMA

Nel corso delle quattro giornate i 280 relatori, tra accademici ed esperti provenienti da ogni parte del mondo, saranno ospitati nelle 5 sedi principali di Torino: Politecnico di Torino, sede centrale della manifestazione, Castello del Valentino, Piazzale Duca d’Aosta, OGR e Piazza San Carlo. A questi spazi, si aggiungono altre 20 sedi del programma OFF di Biennale Tecnologia. 

L’INAUGURAZIONE

Una notte a Biennale Tecnologia: la festa di apertura. Tra le novità di questa edizione la serata organizzata da Club Silencio: l’ormai classico format Una notte al museo sarà declinato secondo il tema dell’edizione, Utopie realiste, negli spazi del Politecnico mercoledì 17 aprile dalle 19 alle 24, attraverso un percorso espositivo e interattivo dedicato all’Intelligenza Artificiale, tra effetti sonori e visivi. Gli ospiti potranno muoversi liberamente tra i gironi di un universo tecnologico, attraverso un itinerario dantesco tra distopia, utopia e realtà. Ingresso gratuito con accredito online obbligatorio su www.clubsilencio.it.

La lectio magistralis. Sarà Telmo Pievani, professore di Filosofia delle Scienze Biologiche all’Università di Padova e garante di Biennale Tecnologia, a tenere la lezione di inaugurazione, giovedì 18 aprile alle 18 (Aula Magna del Politecnico di Torino) dal titolo Il principio del castoro. A introdurre la lectio magistralis, il curatore di Biennale Tecnologia, Juan Carlos De Martin; seguirà un dialogo tra Pievani e Andrea Malaguti, direttore de “La Stampa”. 

Lo spettacolo Homo Deus. Biennale Tecnologia propone uno spettacolo inedito site-specific ideato appositamente per l’edizione: giovedì 18 aprile alle 21, nella suggestiva cornice delle OGR, andrà in scena Homo Deus, prodotto da PEM-Potenziali Evocati Multimediali, con la regia di Gabriele Vacis e gli allestimenti di Roberto Tarasco. Lo spettacolo si sviluppa a partire dall’omonimo saggio di Yuval Noah Harari, noto filosofo e saggista, e prosegue con narrazioni della Bibbia, dalla tragedia greca, per rispondere alla domanda cruciale e attuale: come finirà la Storia? 
Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti.

Saranno diversi i nuclei tematici che verranno affrontati. Le nuove democrazie (digitali)l’intelligenza artificiale tra rischi e opportunitàil futuro dell’ambientela mobilità e la sostenibilità urbanale nuove tecnologie per la cura della personautopie realiste e nuove frontierePNRR per il futuro del Paese

Tra gli ospiti del panorama nazionale e internazionale: la ricercatrice Wendy Hui Kyong Chun, direttrice del Digital Democracies Institute presso la Simon Fraser University, porterà una lezione sulla discriminazione algoritmica; la scrittrice, attivista e ricercatrice Nanjala Nyabola, parlerà di democrazia digitale; il filosofo giapponese Yasuo Deguchi, docente di lettere presso Kyoto University, in dialogo con Juan Carlos De Martin, racconterà del ruolo dell’Information Technology nel ricalibrare i rapporti tra società e industria; Cory Doctorow, giornalista, scrittore e blogger, proporrà una sua riflessione su come rendere quel mondo un posto migliore per tutti, introducendo il fenomeno dell’enshittification – letteralmente: merdificazione –;  Geert Lovink, saggista e teorico delle culture di rete, terrà un incontro su come la rete di oggi sia diventata una trappola; il giornalista, scrittore e docente alla European Graduate School, Bruce Sterling parlerà delle utopie fatte in casa; Harry Parker, ex soldato mutilato dalla guerra e autore di Umani ibridi. Come la tecnologia cambia il nostro corpo (SUR); Tito Boeri, economista, interverrà nel corso di un dialogo sul comportamento di ChatGPT in compiti di scrittura complessi; Barbara Caputo, docente del Politecnico di Torino e direttrice dell’Hub AI@PoliTO, offrirà uno sguardo sulla necessità di formazione e infrastrutture per il futuro dell’IA, in un incontro nell’ambito del progetto PNRR FAIR; il giornalista Riccardo Luna, invece, rifletterà sull’etica degli algoritmi nel suo incontro Dio, noi e l’IA, un dialogo aperto con Paolo Benanti, teologo, presidente della Commissione sull’intelligenza artificiale per l’informazione della Presidenza del Consiglio dei ministri; Thomas Mullaney, docente di storia cinese presso Stanford University, analizzerà la storia della tecnologia, provando a rivalutare ripensare l’era digitale nel suo complesso; Telmo Pievani terrà una lezione sulla perdita di biodiversità nell’Antropocene, un’emergenza epocale; l’architetto Carlo Ratti rifletterà su come si potrà colmare la frattura tra città e natura utilizzando le nuove tecnologie digitali; Roma Agrawal, ingegnera nota per aver lavorato alla progettazione della statica dello Shard, intraprenderà un viaggio alla scoperta di come oggetti piccoli e apparentemente semplici restino fondamentali; l’inventore della città dei 15 minuti, ricercatore, scienziato e professore presso l’Università Sorbona di Parigi, Carlos Moreno, porterà la sua idea della città di domani. Le costruzioni hanno un nuovo linguaggio? Lo racconterà Reinier de Graaf, architetto, teorico dell’architettura, urbanista e scrittore olandese, sviscerando miti e contraddizioni dell’industria e conducendo una ricerca sull’identità del ventunesimo secolo; progetto di frontiera che verrà raccontato sarà NeoGen, che ha l’obiettivo di prevenire le principali malattie del bambino attraverso screening neonatali, e ne parlerà la professoressa Franca Fagioli, direttrice del Dipartimento di patologia e cura del bambino, Ospedale Regina Margherita di Torino; presente anche il premio Nobel per la Fisica 2023 Anne L’Huillier, che presenterà la ricerca che l’ha portata a vincere il premio dell’accademia svedese; David Edgerton, docente di storia della scienza e delle tecniche presso il King’s College di Londra proporrà un confronto tra tecnologie del passato, del presente e del futuro; Gustavo Zagrebelsky, giurista e accademico, Presidente emerito della Corte costituzionale, dialogherà con Massimo Cuono su utopia e distopia a partire dall’interrogativo kantiano “che cosa ci è lecito sperare?”; il filosofo Pascal Chabot parlerà di come la tecnologia ha cambiato radicalmente il nostro rapporto con il tempo; a indagare la pericolosa identità tra religione e tecnologia attraverso la figura del matematico Norbert Wiener sarà la scrittrice Chiara Valerio, mentre a raccontare il futuro delle esplorazioni spaziali sarà Ersilia Vaudo Scarpetta, astrofisica e Chief Diversity Officer dell’European Space Agency (ESA); John Hassler, docente di economia presso Institute for International Economic Studies at Stockholm University ed ex astronauta, parlerà del progetto di installazione di “ombrelloni solari spaziali” per ridurre l’afflusso di luce solare sulla Terra. 
Tornano i format ormai tradizionali di Biennale Tecnologia, che mettono in relazione tecnologia e mondi espressivi: l’arte, il cinema e la letteraturaDavide Livermore tra i più grandi registi lirici al mondo, con Paolo Gep Cucco presenterà l’esperienza di un film interamente realizzato su un set virtualeThe Opera!. Forte delle tecnologie più all’avanguardia, il film è stato girato all’interno dei Prodea Led Studios di Torino, che vanta un virtual set cinematografico tra i più innovativi e grandi al mondo. Arte e attivismo si uniscono nell’incontro con Xu Wenkai – nome d’arte aaajiao –, il cui lavoro si concentra criticamente sul binomio utopia/distopia. Nell’incontro Sogno o son desto? In viaggio dentro la matrice, gli scrittori Loredana LipperiniTommaso Pincio e Bruce Sterling intraprenderanno un viaggio nel Neuromante di William Gibson. 

Una maratona al cinema. Per Biennale Tecnologia, il Museo Nazionale del Cinema organizza Sogni di pecore elettriche, una maratona che sabato 20 aprile dalle 20.30 alle 5.30 del mattino vedrà protagoniste cinque pellicole della storia del cinema che raccontano l’intelligenza artificiale, anticipando scenari e stimolando una riflessione sulle sue molteplici forme e rappresentazioni. 

Reading. Venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 aprile, alle ore 12 nella Biblioteca Centrale di Ingegneria del Politecnico di Torino, Peppino Ortoleva e Marco Cacciola daranno vita al ciclo Culture della tecnica. Un reading in tre puntate – Il bello e l’utileIl pensiero nelle maniA nostra immagine – che racconterà del rapporto tra tecnica, arte, estetica, filosofia accompagnando il pubblico in un viaggio che dagli dei dell’antica Grecia lo condurrà fino a un mondo abitato da androidi costruiti a immagini e somiglianza dell’essere umano. Sabato 20 aprile alle 21, invece, nell’Aula Magna del Politecnico di Torino si celebrerà il centocinquantenario della nascita di Guglielmo Marconi con Io, Annie Jameson, la mamma di Guglielmo, testo e regia di Vittorio Marchis con le letture di Elena Canone e le musiche dal vivo di Giorgio Li Calzi

MOSTRE ED ESPOSIZIONI

Biennale Tecnologia racconterà la relazione tecnologia/umanità anche attraverso esposizioni e installazioni. Verranno inaugurate: Immaginare futuri. Sfide, visioni, progetti; Utopie Realiste, progetto di PARATISSIMA; Le primeEnergia dal sole: 30 anni di storia della tecnologia fotovoltaica, un progetto di DENERG – Dipartimento Energia Galileo Ferraris; Rituals/MaterialsDisegnare l’invisibile

POLITECNICO APERTO, TECNOLOGIA DIFFUSA E TEAM IN PIAZZA: L’ATENEO SI APRE ALLA CITTÀ

Tecnologia in piazza. La ricerca degli studenti del Politecnico sarà esposta nel cuore di Torino: per tutta la durata della manifestazione Piazza San Carlo sarà una vetrina per 17 Team studenteschi dell’Ateneo. Nei diversi stand, i team avranno l’occasione di presentare al pubblico progetti, ricerche e prototipi all’avanguardia, frutto dei loro studi universitari. Gli studenti presenteranno al pubblico una vasta gamma di innovazioni e dimostrazioni pratiche dei loro prototipi, che hanno concorso a livello nazionale e internazionale vincendo diversi premi e riconoscimenti. 

Tecnologia diffusa e Biennale OFF. La quarta edizione della Biennale si apre sempre di più alla città di Torino, radicandosi con maggior forza sul suo ampio territorio, con iniziative dedicate e anche con il programma Biennale OFF che coinvolge i partner culturali di Biennale Tecnologia. 

Politecnico Aperto. Accogliere la comunità: il Politecnico di Torino apre le porte, i laboratori e i centri di ricerca e torna ad accogliere un pubblico sempre più ampio di curiosi e appassionati. Dopo il successo dell’ultima edizione, il programma di Politecnico Aperto sarà ulteriormente potenziato grazie a una moltiplicazione di spazi, attività, incontri, esperimenti e workshop per far conoscere le sue più importanti linee di ricerca, in particolare i progetti di frontiera che hanno un riscontro utile e pratico nelle vite di tutti, con tante attività anche per gli studenti delle scuole superiori.

UN PROGRAMMA DEDICATO PER SCUOLE E FAMIGLIE 

Il Politecnico di Torino guarda al futuro attraverso i giovani. Tra i tanti obiettivi di Biennale Tecnologia, infatti, uno dei più importanti è riuscire a creare un dialogo con tutti, in particolare con le nuove generazioni sparse su tutto il territorio nazionale. 

Biennale Tecnologia per le scuole. Per la prima volta il Politecnico ospiterà gratuitamente 200 studenti provenienti da scuole secondarie di tutta Italia durante i giorni della manifestazione. Altre classi di tutta Italia – per un totale di oltre 500 studenti – potranno partecipare alle attività dedicate, organizzando autonomamente il proprio viaggio di istruzione in città e trovando a Biennale Tecnologia percorsi e attività dedicati. Quest’anno sono stati aggiunti al programma quattro eventi specificamente dedicati alle scuole secondarie il giovedì mattina, con ospiti di rilievo come il direttore del Museo Egizio di Torino Christian Greco, che parlerà di ricerca, inclusione, transizione digitale e del futuro dei musei. 

Spazio 0-14. Dopo il successo della prima edizione del Festival della Tecnologia, lo spazio in Piazzale Duca d’Aosta – l’area pedonale antistante la sede centrale del Politecnico di Torino – torna a trasformarsi in un vero e proprio villaggio della tecnologia dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie. Stand con laboratori ed esperimenti curati da ricercatori e associazioni porteranno i temi di scienza e tecnologia a misura di tutti.

Info logistiche

Accesso. Tutti gli eventi e gli incontri di Biennale Tecnologia sono ad accesso libero e gratuito, fino a esaurimento posti. Per alcuni incontri o attività, laddove segnalato, è richiesta la prenotazione obbligatoria sul sito www.biennaletecnologia.it. La maratona Sogni di pecore elettriche al Museo Nazionale del Cinema in programma sabato 20 aprile prevede un biglietto di ingresso.

Prenotazioni scuole. Le scuole secondarie di secondo grado avranno l’opportunità di partecipare a tutti gli eventi del programma principale di Biennale Tecnologia, prenotandosi attraverso www.biennaletecnologia.it. Sempre su prenotazione avranno la possibilità di partecipare gratuitamente ai laboratori pratici e interattivi del programma Politecnico Aperto.

Translate »