Come velocizzare Windows senza installare software di terze parti 1

Come velocizzare Windows senza installare software di terze parti

Avere un computer potente non sempre equivale a svolgere velocemente e con fluidità le operazioni desiderate, dall’elaborazione di un video in 4K allo svago concedendosi una partita con igiochi slot di Betfair. Nella velocità di un PC, infatti, influisce in modo decisivo la pulizia del sistema operativo, che si realizza attuando una serie di piccole operazioni. Ecco come migliorare le performance di un computer Windows evitando di installare dei software per la pulizia, i quali in molti casi non fanno altro che peggiore la situazione.

Come velocizzare Windows senza installare software di terze parti 2


Verificare i programmi dell’avvio automatico
L’avvio automatico va riservato a quelle applicazioni che effettivamente sono indispensabili per il sistema, come ad esempio gli antivirus e i software per il controllo delle periferiche. Altre app, dai lettori multimediali ai programmi per la produttività, vanno assolutamente rimossi dall’avvio automatico e aperti solo nel momento in cui risultano necessari. In questo modo, il computer si avvierà in un tempo decisamente minore e durante l’utilizzo saranno attive solo le applicazioni che si intende usare, lasciando più spazio a disposizione della memoria, con conseguente incremento delle prestazioni.

Disinstallare i programmi che non si usano
Nel corso del tempo i PC vengono riempiti con programmi che raramente vengono usati. Tali software non fanno altro che occupare la memoria e rendere il computer meno reattivo, in quanto appesantiscono il sistema, specie se lavorano in background. Periodicamente è bene effettuare un controllo su quei programmi che non vengono più utilizzati, procedendo con una disinstallazione completa dei software non essenziali, al fine di eliminarne ogni traccia dal disco rigido.

Fare una scansione con l’antivirus
Navigare online e installare tanti programmi può esporre il computer al rischio di infettarsi con dei malware. Proprio per questa ragione, di tanto in tanto, è bene scansionare le unità di archiviazione, soprattutto quella in cui è installato il sistema operativo. L’operazione può essere eseguita con Windows Defender, ovvero la suite di sicurezza integrata su tutti i sistemi della compagnia statunitense, oppure con qualunque altro affidabile antivirus. I malware sono in grado di impedire al computer di riprodurre la maggior parte delle applicazioni e spesso bloccano la navigazione sul Web e il gioco con i videogame come i casino online e gli FPS.

Formattare l’hard disk
Se tutti i tentativi descritti sono risultati vani, probabilmente è il caso di formattare l’hard disk. In molte circostanze può essere sufficiente un rapido ripristino per riportare le prestazioni ai consueti standard, procedura più veloce e meno complessa, in cui vengono salvati tutti i file e rimosse esclusivamente le applicazioni. Il miglior metodo per riportare il PC allo stato di fabbrica, tuttavia, è rappresentato dalla formattazione manuale, con la quale l’unità in cui è installato il sistema operativo viene totalmente cancellata, per cui successivamente si dovrà procedere con una nuova installazione di Windows e dei software, oltre che con il trasferimento degli eventuali file che si trovavano in memoria. Prima di intervenire con la formattazione bisogna effettuare un backup dei dati che si intende recuperare.

Translate »