Epson Climate Reality Barometer 2023: cosa preoccupa di più gli italiani? 1

Epson Climate Reality Barometer 2023: cosa preoccupa di più gli italiani?

In un solo anno, forse anche a causa dei recenti disastrosi eventi meteorologici, gli italiani, nell’ambito di una ricerca chiusa nel luglio scorso, ritengono che i maggiori problemi che il mondo deve affrontare sono il cambiamento climatico, l’aumento dei prezzi e la povertà. Dalle aziende si aspettano maggiori investimenti in tecnologie ambientali, più riciclo e riutilizzo dei prodotti, riduzione dell’uso di risorse naturali come acqua e combustibili fossili.

Cinisello Balsamo, 28 novembre 2023 – Il Climate Reality Barometer di Epson, giunto alla terza edizione e basato su interviste condotte nel mese di luglio, svela che per gli italiani i problemi del mondo sono quasi gli stessi, ma in un solo anno i pesi sono molto diversi: il cambiamento climatico, forse anche a causa dei disastri ambientali che stanno colpendo il nostro Paese, resta al primo posto per oltre il 60,3% degli intervistati (oltre 1.100), contro il 29,1% del 2022. L’aumento dei prezzi era al terzo posto per il 18,2% delle persone: oggi è al secondo per oltre il 50,5% dei connazionali. La povertà, sale dal quinto posto (10,2%) al terzo posto per il 37,2% degli italiani. Seguono le guerre (dal 10,3% al 30%), che oggi sono probabilmente salite al primo posto, e la salute (non presente un anno fa e oggi al 24,6%).

Epson Climate Reality Barometer 2023: cosa preoccupa di più gli italiani? 2

“Seppure il recente conflitto in Medio Oriente ha di certo portato una nuova e inevitabile attenzione sul tema della guerra e riacceso le preoccupazioni delle persone in Italia e nel resto dell’Europa – afferma Luca Cassani, Corporate Sustainability Manager di Epson Italia – credo che il cambiamento climatico continui senza dubbio a generare una forte inquietudine. Questo ci spinge, come azienda, a fare sempre di più per ridurre l’impatto delle nostre attività. Ad esempio, ci impegniamo a utilizzare solo energia elettrica proveniente in toto da fonti rinnovabili: abbiamo raggiunto il 93% e contiamo di arrivare al massimo nel breve-medio termine. Inoltre siamo costantemente orientati allo sviluppo di tecnologie ambientali e proprio per questo di recente abbiamo investito 50 milioni di euro in EpsonATMIX, società del Gruppo SEC”.

“La recente edizione del Climate Reality Barometer di Epson – afferma Eleonora Faina, Direttrice Generale di Anitec-Assinform, l’Associazione di Confindustria che raggruppa le imprese ICT in Italia – sottolinea chiaramente le crescenti preoccupazioni degli italiani sul cambiamento climatico e la necessità di azioni concrete. La nostra Associazione riconosce l’importanza di soluzioni tecnologiche e sostenibili per affrontare il cambiamento climatico. E’ importante che le aziende investano in tecnologie ambientali, promuovano il riciclo e il riutilizzo dei prodotti, riducendo l’uso di risorse naturali come acqua e combustibili fossili. La transizione ecologica deve essere guidata dalle imprese, e noi incoraggiamo una maggiore responsabilità nell’adozione di pratiche sostenibili. Solo attraverso iniziative tangibili possiamo affrontare le sfide del “climate change” e costruire un ambiente più sostenibile”.

Cosa può far cambiare direzione? La tecnologia, ma anche boicottare i marchi non sostenibili.

Per poter contrastare questo triste e preoccupante fenomeno, quest’anno agli intervistati è stato chiesto quali sono le iniziative più importanti che le aziende possono intraprendere nella lotta al cambiamento climatico. Il 51% ritiene che gli investimenti delle aziende in tecnologie ambientali siano fondamentali per affrontare il problema e contribuire a un cambio di direzione. Seguono a ruota: il miglioramento nel riciclo e nel riutilizzo dei prodotti (48,4%) e la riduzione dell’utilizzo di risorse naturali come l’acqua e i combustibili fossili nella produzione e nei trasporti (27,7), la partecipazione dei dipendenti alle attività ambientali (16,7%) e la compensazione dell’impatto di anidride carbonica e plastica (11,6%).

Non solo: l’Epson Climate Barometer registra che, di fronte al cambiamento climatico, 4 italiani su 5 dichiarano di usare più prodotti riutilizzabili per motivi ambientali, il tasso più alto dell’Europa occidentale, mentre il 29,7% sta già boicottando i marchi non sostenibili e ben il 36,9% sta prendendo in considerazione l’idea di farlo.

Cosa possono fare le aziende? Progettare e produrre prodotti più sostenibili.

Il Climate Reality Barometer suggerisce dunque che tutte le aziende, a prescindere dalle dimensioni, debbano iniziare a offrire alle altre imprese e ai consumatori soluzioni sostenibili a supporto delle innovazioni. In altre parole, le persone si aspettano che siano anche le aziende a prendere l’iniziativa per la transizione ecologica. Dal canto suo, Epson considera la tecnologia un fattore abilitante per promuovere la sostenibilità, e in questo senso sviluppa prodotti con l’obiettivo di utilizzare meno risorse durante la produzione e l’utilizzo, che durano più a lungo, sono più facili da riparare e possono essere riutilizzati e riciclati con maggiore facilità. E’ possibile quindi già da oggi creare le soluzioni di cui le persone hanno bisogno per ridurre l’impatto ambientale.

In merito agli investimenti nelle tecnologie che aiutano a ridurre l’impatto ambientale, PaperLab di Epson centra in pieno questo obiettivo, dimostrandosi una soluzione all’avanguardia: consente infatti di produrre nuova carta in azienda partendo da quella già utilizzata. Il tutto con un processo a secco, senza l’utilizzo di acqua, a sostegno dell’economia circolare. Non solo riduce il consumo di questa preziosa materia prima, ma limita l’abbattimento degli alberi e le emissioni di CO2.Gruppo Epson Epson è leader mondiale nel settore tecnologico e si impegna a cooperare per generare sostenibilità e per contribuire in modo positivo alle comunità facendo leva sulle proprie tecnologie efficienti, compatte e di precisione e sulle tecnologie digitali per mettere in contatto persone, cose e informazioni. L’azienda si concentra sullo sviluppo di soluzioni utili alla società attraverso innovazioni nella stampa a casa e in ufficio, nella stampa commerciale e industriale, nella produzione, nella grafica e nello stile di vita. Epson ha l’obiettivo di diventare carbon-negative ed eliminare l’uso di risorse naturali esauribili, come petrolio e metallo, entro il 2050. Guidato da Seiko Epson Corporation con sede in Giappone, il Gruppo Epson genera un fatturato annuo di circa 1.000 miliardi di Yen (circa 7,5 miliardi di euro). https://corporate.epson/en/ Environmental Vision 2050   http://eco.epson.com/

Foto di Andrea Piacquadio: https://www.pexels.com/it-it/foto/foto-di-uomo-che-tocca-la-sua-testa-3752834/

Translate »