Hotwire presenta La narrazione di marca nell’era dell’IA: come i brand dovrebbero comunicare in base al loro rapporto con l’intelligenza artificiale 1

Hotwire presenta La narrazione di marca nell’era dell’IA: come i brand dovrebbero comunicare in base al loro rapporto con l’intelligenza artificiale

  • Nel report, realizzato in partnership con House of Beautiful Business, Hotwire identifica quattro profili relativi al rapporto dei brand con l’intelligenza artificiale, suggerendo come sfruttarli nella propria comunicazione
  • Il report è stato presentato da Beatrice Agostinacchio, Managing Director di Hotwire Italia e Spagna, in occasione di un evento in collaborazione con Italian Tech Alliance

Milano, 26 gennaio 2024 – In pochi anni l’intelligenza artificiale ha rivoluzionato la vita quotidiana della nostra società e, di conseguenza, anche dei brand che modellano le nostre abitudini di consumo. In questo contesto, le aziende hanno due possibilità: abbracciare questa nuova tecnologia e appropriarsi dei suoi benefici (assumendone al contempo i rischi), oppure perdere un treno che potrebbe definire la loro rilevanza in futuro.

Per investigare come i marchi possono abbracciare la rivoluzione dell’IA nel proprio brand storytelling, Hotwire, società globale di consulenza in materia di comunicazione e marketing al servizio dei brand tecnologici più innovativi, ha realizzato il reportLa narrazione di marca nell’era dell’IA“, in collaborazione con il think tank House Of Beautiful Business.

Attraverso l’analisi condotta con l’aiuto di molteplici professionisti, tra cui esperti di IA, giornalisti, cyber-psicologi, designer e brand leader, il report si domanda da un lato, come dovrebbero o possono guidarci i brand manager in questo nuovo contesto. E, dall’altro, cosa dovrebbero fare con lo spazio narrativo che emerge come risultato dell’implementazione di questa nuova tecnologia?

A partire da questa riflessione è stata sviluppata la “Matrice delle Narrazioni di Marca nell’Era dell’IA“, un quadro di spazi narrativi creati per aiutare i brand leader a decidere come orientare la loro prospettiva sull’IA.

La matrice identifica quattro archetipi:

  • Stile di Vita Transumano: sono quelle aziende che scelgono, o hanno già scelto, di porre l’IA al centro della loro narrazione. Questo archetipo ha un atteggiamento ottimistico nei confronti della tecnologia, è un early adopter e si impegna costantemente e pubblicamente con l’IA.
  • Conservatorismo Digitale: sono marchi caratterizzati da un’attività basata su artigianato, tradizione ed esperienze interpersonali. Sono intrinsecamente scettici nei confronti dell’IA e tendono a essere più conservatori al riguardo.
  • Ancore di Stabilità: i brand identificati in questo spazio narrativo sono scettici nei confronti dell’IA. Nonostante l’implementazione in alcuni aspetti della loro vita quotidiana, scelgono di non includere l’IA nel loro storytelling.
  • Massima Convenienza: questo quadrante comprende i marchi che utilizzano l’IA come strumento per migliorare il servizio offerto ai propri clienti. Le aziende che rientrano in questo archetipo affrontano l’IA da un punto di vista pragmatico, spesso non danno priorità a questa tecnologia nel loro storytelling ma la riducono semplicemente all’utilità per l’azienda.
Hotwire presenta La narrazione di marca nell’era dell’IA: come i brand dovrebbero comunicare in base al loro rapporto con l’intelligenza artificiale 2

Il report descrive quindi il potenziale strategico per i marchi, nonché le opportunità e le sfide che si aprono per loro una volta collocatisi in uno degli archetipi definiti. In questo modo, le aziende, a seconda del loro profilo, possono individuare più facilmente le sfide e le opportunità che si aprono per loro e stabilire nuove e più accurate strategie intorno al loro rapporto con l’IA.

Le conclusioni del report sono state presentate alla stampa e agli operatori del settore nel corso di un evento tenutosi a Milano il 25 gennaio, con interventi di Francesco Cerruti di Italian Tech Alliance, Raffaele Mauro di PrimoSpace, Paolo Denti di Oversonic Robotics e Lisa Di Sevo di PranaVentures.

Beatrice Agostinacchio, Managing Director di Hotwire per la Spagna e l’Italia commenta “È dovere dei marchi abbracciare l’IA e determinare il proprio comportamento nei suoi confronti, per impostare una narrazione coerente e aggiornata che rimanga in linea con il loro pubblico di riferimento. Grazie alla Matrice che abbiamo sviluppato, le aziende possono avere una visione più chiara di come comportarsi e di come applicare l’IA nelle loro strategie di business e di comunicazione, comprendendo le sfide e le opportunità di questa nuova era“.

Secondo Francesco Cerruti, Direttore Generale di Italian Tech Alliance, “Negli ultimi anni c’è stata un’evidente accelerazione tecnologica e una fortissima spinta all’innovazione, con il trend più recente che è quello dell’Intelligenza Artificiale. Come tutte le grandi novità, sono molti i modi di recepirla, ed è molto interessante osservare le categorie di pensiero che emergono dal report in maniera netta. È anche attraverso esercizi di questo genere che cresce all’interno della società la consapevolezza del ruolo che innovazione e tecnologica possono avere nello sviluppo personale, sociale ed economico”:

È possibile visionare e scaricare il report “La narrazione di marca nell’era dell’IA” a questo link.

—————-

Hotwire

Hotwire è l’agenzia di consulenza di comunicazione e marketing globale leader nell’industria Tech. Fondata nel 2000, Hotwire opera attraverso una rete globale di uffici proprietari, seguendo un’ampia gamma di clienti che vanno da aziende scale-up a multinazionali affermate. Hotwire realizza le possibilità inespresse dell’innovazione tecnologica attraverso una comunicazione integrata che promuove la curiosità, incita all’azione e mira al conseguimento del successo – tutto questo grazie alla nostra metodologia proprietaria, sviluppata sulla base di insight accurati e strategie ragionate, creatività mirata, pianificazione integrata e a un’enfasi centrale sulla misurazione. www.hotwireglobal.com

House of Beautiful Business

House of Beautiful Business è una rete dedicata all’economia incentrata sulla vita. La nostra missione consiste nel creare un nuovo tipo di business più mirato, inclusivo e sostenibile. Guidati dalla leadership di pensiero, alimentati dalla comunità e focalizzati sull’esperienza, riuniamo leader aziendali, economisti, politici, tecnologi, scienziati, artisti e attivisti tramite consulenze, incontri di persona, programmi online, pubblicazioni, spettacoli e arte. Fondata nel 2017, House si è trasformata da evento pop-up in una piattaforma che comprende esperienze di apprendimento e sviluppo, organizza un festival annuale ed eventi locali e raggruppa una community di oltre 35.000 membri in tutto il mondo. Un team distribuito con uffici a Berlino, Lisbona, Monaco e Atlanta, ha lavorato con numerose aziende Fortune 500, tra cui Ageas, Airbus, Accenture, BCG, EY, LinkedIn, Google, Microsoft, PwC, Salesforce, SAP, Sky, and Volkswagen Group. Il nostro primo investitore è Porsche.

This will close in 20 seconds

Translate »