comunicato stampaNewsSocialTech

Il cinquantesimo anniversario di Intel: il microprocessore 8080 (1974)

Il cinquantesimo anniversario di Intel: il microprocessore 8080 (1974) 1

Il lavoro che ha portato all’8080, il primo microprocessore a singolo chip, è iniziato nel 1972 in gran parte grazie alla perseveranza di Federico Faggin.

Comunicato Stampa

Faggin ha guidato lo sviluppo in Intel del primo microprocessore al mondo, il processore 4004 a 4 bit lanciato nel 1971, e il primo processore a 8 bit, l’8008, nel 1972. Entrambi i dispositivi, lanciati a distanza di cinque mesi l’uno dall’altro, sono stati rivoluzionari.

Prima che Faggin completasse l’8008, era convinto che Intel avrebbe potuto fare di meglio. Entrambi i microprocessori 4004 e 8008 funzionavano come componenti in set di quattro chip e le loro applicazioni pratiche erano limitate. Faggin voleva creare un vero microprocessore a singolo chip con velocità e usabilità.

Faggin ottenne il sostengo del Consiglio di amministrazione Intel, e il team di microprocessori dell’azienda iniziò a progettare il microprocessore 8080 mentre l’8008 stava ancora entrando in piena produzione. Il team avrebbe fatto ricorso alle capacità di molte delle persone che avevano contribuito a realizzare i processori 4004 e 8008, tra cui Faggin, Ted Hoff, Stan Mazor e Masatoshi Shima. (Shima aveva lavorato con Intel in qualità di rappresentante di Busicom al microprocessore 4004 ed è stato assunto in Intel appositamente per lavorare al processore 8080).

Il nuovo chip è stato sviluppato rapidamente e senza intoppi: l’8080 è entrato nella fase di testing alla fine del 1973 ed è stato introdotto sul mercato nel 1974.

Il prodotto finale era rivoluzionario. Con un chip a 8 bit in grado di eseguire 290.000 operazioni al secondo, circa 10 volte quelle dell’8008, il microprocessore 8080 sarebbe stato installato in migliaia di dispositivi e avrebbe reso la diffusione dei microprocessori una realtà invece che solo una possibilità. Uno storico della tecnologia ha definito questo chip “il prodotto più importante del XX secolo. L’8080, i suoi discendenti e i suoi concorrenti avrebbero influenzato così profondamente il mondo che la società umana sarebbe apparsa notevolmente diversa prima e dopo l’introduzione sul mercato di questi prodotti.”

Tra i dispositivi più degni di nota potenziati dal processore 8080 ricordiamo l’Altair 8800, il primo personal computer che ha ottenuto un successo commerciale.

In Intel, il chip ha contribuito a cambiare le attività dell’intera dell’azienda. Nel 1974, Intel si considerava principalmente una società di memoria e, sebbene i suoi due processori precedenti avessero avuto un successo finanziario, le vendite non avevano modificato l’attività principale di Intel. Il microprocessore 8080, al contrario, ha venduto così bene che ha ripagato gli investimenti in ricerca e sviluppo in soli cinque mesi circa, e le vendite hanno continuato a crescere anche quando il business della memoria ha subito una recessione in tutto il settore. Quel successo ha indicato una nuova direzione per Intel.

“Il processore 8080 ha davvero creato il mercato dei microprocessori”, ha affermato Faggin. “Il 4004 e l’8008 lo hanno suggerito, ma l’8080 lo ha reso reale.”

Quel mercato sarebbe stato un elemento cruciale del business di Intel da quel momento in poi.

Leave a Response

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<