La digitalizzazione delle aziende di piccole dimensioni: uno sguardo all’Italia 1

La digitalizzazione delle aziende di piccole dimensioni: uno sguardo all’Italia

Il sondaggio commissionato da reichelt elektronik alla società di ricerca OnePoll mette in luce l’approccio pragmatico alla digitalizzazione da parte delle piccole imprese italiane che contano tra i 2 ed i 50 dipendenti.

L’Italia presenta un variegato scenario industriale dominato, prevalentemente, da aziende di piccole e medie dimensioni, da quelle a conduzione familiare alle start up, attive in diversi settori. Ma qual è la loro posizione nei confronti della digitalizzazione?

reichelt elektronik, in collaborazione con la società di ricerca OnePoll, ha preso in analisi un campione di 250 aziende di piccole dimensioni, che contano tra i 2 ed i 50 dipendenti, presenti sul territorio italiano, per fare il punto sul livello di digitalizzazione.

La digitalizzazione delle aziende di piccole dimensioni: uno sguardo all’Italia 2

Comune denominatore: comunicazione e lavoro agile

Oggigiorno, la maggior parte delle piccole imprese fa affidamento su strumenti digitali per mantenere un vantaggio competitivo nel proprio settore di riferimento e tenere alto il livello di operatività. Per queste aziende, le strategie e i mezzi di comunicazione giocano un ruolo fondamentale: la comunicazione esterna avviene, per il 46% delle aziende intervistate, per lo più tramite posta elettronica e attraverso i social media; il 35% di esse, invece, si affida a servizi di messaggistica istantanea via internet o ad altri strumenti di collaborazione come Skype o Teams (32%) per quanto riguarda la comunicazione interna. Un forte focus sulla comunicazione che vede il 24% delle piccole aziende tra quelle intervistate adottare anche soluzioni di telefonia smart, come la unified communication.

Secondo l’indagine di reichelt elektronik, altri elementi ritenuti importanti per il successo delle aziende di piccole dimensioni sono la flessibilità e la possibilità di poter scegliere il proprio spazio o luogo di lavoro. Il 30% del campione analizzato, infatti, ha già investito in tecnologie che permettono di accedere ai dati aziendali direttamente da casa, come ad esempio una VPN, mentre il 17% tra le aziende che non dispone di soluzioni simili vorrebbe che questo avvenisse anche nella propria azienda. Buona parte delle piccole imprese rispondenti al sondaggio, pari al 44%, lavora perfino su ambienti cloud.

Le piccole imprese ricorrono al digitale

Sebbene le piccole imprese utilizzino un buon numero di strumenti e soluzioni digitali, al momento i dati mettono in luce come – tra questi – non ve ne sia alcuno che sia particolarmente consolidato e diffuso tra le aziende rispondenti al sondaggio. Infatti, esse si affidano a soluzioni ad-hoc che rispecchiano le esigenze specifiche del proprio ambiente di lavoro.

Allo stesso tempo, molte aziende (80%) stanno rispondendo ai cambiamenti imposti dal comportamento dei clienti, che desiderano ricevere informazioni più esaustive sui prodotti e suggerimenti (52%), tempi di consegna più rapidi di articoli e servizi (55%) e risposte più veloci alle loro richieste (59%). La digitalizzazione sta quindi aiutando le aziende a soddisfare più rapidamente queste richieste. Il 49% afferma che la digitalizzazione ha permesso loro di mantenere la propria competitività, a fronte di un 45% che conferma di aver acquisito nuovi clienti o ordini come risultato dell’adozione di strategie di digitalizzazione.

Sfide differenti per culture aziendali diverse

Complessivamente, il 49% delle piccole imprese considera le proprie misure di digitalizzazione piuttosto avanzate, mentre il 16% ritiene che il livello di digitalizzazione della propria azienda sia abbastanza avanzato. Il 12% ritiene invece che vi siano lacune in materia di digitalizzazione nella propria azienda; il 2% del campione analizzato pensa di essere rimasto indietro su questo fronte. Da un’analisi più approfondita emerge comunque un risultato complessivamente buono ma che deve essere differenziato.

Le aziende molto piccole (il 34% delle aziende che contano fino a 10 dipendenti) si sentono abbastanza al passo con la digitalizzazione, precedute dalle aziende che contano dai 11-50 dipendenti (42%). Complessivamente, il 38% delle aziende conferma di aver tenuto il passo con la digitalizzazione. Al contrario, un certo livello di insoddisfazione prevale tra le aziende più piccole, per svariate ragioni: il potenziale della digitalizzazione è mal valutato (46% delle aziende con 2-10 dipendenti), mancanza d’interesse (38% delle aziende con 2-10 dipendenti) oppure per mancanza di personale qualificato (63% delle aziende con 2-10 dipendenti). Quest’ultimo punto incide in modo importante (83%) anche sulle aziende con 11-50 dipendenti.

Età e digitalizzazione: quanto influisce il divario generazionale

In generale, i dati del sondaggio di reichelt elektronik evidenziano che, più l’azienda è datata, meno ritiene di essere avanzata nella digitalizzazione e più è insoddisfatta in questo campo. Per riportare un esempio, tra le aziende maggiormente soddisfatte del proprio livello di digitalizzazione, il 67% esiste da meno di un anno, mentre soltanto l’11% esiste da oltre 50 anni. Al contrario, tra le aziende meno soddisfatte, il 5% ha più di 50 anni. A ciò si aggiunge il 32% delle aziende con più di 50 anni che rimane neutrale e non dichiara alcun sentimento nei confronti della digitalizzazione.

Sebbene alcune aziende non siano soddisfatte dei propri progressi in quest’ambito, non riconoscono nemmeno l’urgenza di avviare un processo di trasformazione digitale. Lo conferma il 26% delle aziende con più di 51 anni d’età, che è convinta che la digitalizzazione le renda maggiormente competitive, rispetto al 33% delle aziende nate da meno di un anno.

“Abbiamo riscontrato che le piccole imprese stanno abbracciando la digitalizzazione per numerose ragioni, utilizzando strumenti di digitalizzazione diversi a seconda di ciò che funziona meglio per loro”, commenta Ulf Timmermann, CEO di reichelt elektronik. “Anche noi di reichelt elektronik abbiamo iniziato a digitalizzare i nostri magazzini dedicati alla logistica e capiamo la necessità di adottare un approccio su misura. La digitalizzazione è un processo che deve camminare di pari passo con i cambiamenti delle aziende, che devono continuamente implementare nuove strategie per crescere e aumentare il loro livello di digitalizzazione”.

Informazioni sul sondaggio

L’indagine è stata condotta nel mese di marzo del 2023 dall’istituto OnePoll. Il campione ha preso in analisi 250 imprese di piccole dimensioni in Italia tra i 2 ed i 50 dipendenti.

This will close in 20 seconds

Translate »