La survey di Riverbed indica che il 93% dei leader del comparto manifatturiero punta su una Digital Employee Experience evoluta 1

La survey di Riverbed indica che il 93% dei leader del comparto manifatturiero punta su una Digital Employee Experience evoluta

La Global DEX survey condotta nel 2023 evidenzia anche l’impegno dei CIO nel trattenere i talenti e nello sfruttare le tecnologie per migliorare produttività e flessibilità

Milano – 19 Febbraio 2024 – Riverbed, leader nella Unified Observability, ha presentato i risultati della Riverbed Global Digital Employee Experience (DEX) Survey 2023 per il settore manifatturiero. L’indagine ha rilevato che le organizzazioni riconoscono l’importanza di offrire una DEX senza interruzioni per attrarre e trattenere i nativi digitali Millennials e Gen Z, e stanno dotando i CIO di ulteriori risorse ora che hanno maggiore influenza verso i vertici aziendali. Di fronte alla carenza di competenze a livello globale per la gestione dei sistemi moderni e dei processi produttivi, e per mantenere gli standard di qualità, i CIO del comparto intendono migliorare la DEX all’interno delle aziende per restare competitivi.

Come emerge dallo studio, il 66% dei responsabili aziendali e IT del settore manifatturiero intervistati afferma che non riuscire a soddisfare le richieste di Digital Experience delle nuove generazioni potrebbe avere un effetto dirompente. Inoltre, il 72% ritiene che i dipendenti Millennials e Gen Z valuterebbero l’idea di lasciare un’azienda a fronte di una DEX inadeguata. Attrarre e trattenere i talenti per le aziende del manifatturiero è fondamentale poiché puntano su tecnologie cruciali per le smart factory, l’intelligenza artificiale (AI) e i processi virtuali, che saranno fattori di differenziazione fondamentali per ridurre al minimo le sfide della supply chain e resistere ai periodi di crisi economica.

L’indagine ha interpellato 1.800 IT decision maker (ITDM) e business decision maker (BDM) che rappresentano aziende con un fatturato annuo superiore a 250 milioni di dollari, in 10 Paesi e sette settori, tra cui 350 leader del settore manifatturiero, analizzando le aspettative generazionali, il tema dell’hybrid work, l’evoluzione del ruolo dell’IT, le sfide e le strategie per offrire una DEX ideale. L’indagine è stata condotta da Sapio Research nel maggio 2023.

I Millennials e la Gen Z hanno alte aspettative in termini di Digital Experience

Oggi i Millennials e la Gen Z rappresentano il 50% della forza lavoro, numero destinato a raggiungere il 70% entro il 2030. Man mano che le nuove generazioni assumono ruoli di rilievo in azienda, per il 92% dei leader intervistati aumenta la pressione sulle risorse IT per rispondere alle crescenti aspettative di Digital Experience con tecnologie più sofisticate. La quasi totalità dei responsabili IT e aziendali del campione (93%) afferma che gli investimenti in DEX sono tra le loro priorità per i prossimi 5 anni. Alla base della capacità di fornire una DEX perfetta c’è la Unified Observability, ritenuta importante dal 95% dei leader di settore (per il 52% è di importanza critica) per rimanere competitivi e assicurare una DEX evoluta.

“La globalizzazione ha portato una profonda trasformazione nel settore intensificando la concorrenza nei mercati nazionali e internazionali”, afferma Jim Gargan, CMO di Riverbed. “Il comparto manifatturiero oggi richiede livelli più elevati di tecnologia, innovazione, modelli e processi aziendali avanzati, che devono essere supportati da esperienze digitali senza interruzioni per tutti i dipendenti, compresi i nativi digitali. Dall’indagine è emerso che quasi tutte le aziende manifatturiere devono affrontare almeno uno dei principali ostacoli alla realizzazione della DEX, ma stanno investendo in tecnologia, tra cui observability e AI, per vincere queste sfide. Con la suite Alluvio Unified Observability, i nostri clienti del settore possono ottenere insight utili e sfruttare l’automazione per offrire una migliore Digital Experience, una maggiore efficienza, qualità e produttività”.

L’indagine ha anche rilevato che il 93% degli intervistati concorda nel ritenere che l’IT è più responsabile dell’innovazione aziendale oggi rispetto a tre anni fa. Durante la pandemia, il ricorso alla tecnologia per assicurare la visibilità delle supply chain è stato cruciale per la capacità dell’azienda di garantire la continuità. L’importanza di fornire soluzioni che promuovano l’attività aziendale comporta un maggiore riconoscimento per l’IT, con l’80% degli ITDM e BDM che riconoscono la crescente importanza dell’IT da parte della dirigenza.

Per fornire esperienze digitali senza interruzioni è fondamentale consentire ai dipendenti di lavorare da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. I decision maker IT e aziendali del settore riferiscono che il 44% dei dipendenti lavora in modalità ibrida e il 97% degli intervistati ritiene che l’offerta di lavoro ibrido migliori la capacità di reclutare talenti e di rimanere competitivi. Per garantire che la tecnologia soddisfi le esigenze aziendali, l’89% degli intervistati del settore dichiara di voler investire in tecnologia nei prossimi 12-18 mesi per supportare il lavoro ibrido.

Ostacoli alla soddisfazione delle aspettative digitali

Il 96% dei leader IT del settore ha indicato almeno un ostacolo di rilievo alla realizzazione di una DEX ottimale. Gli intervistati hanno individuato nella carenza di talenti/competenze IT (41%), nei vincoli di budget (36%), nella mancanza di servizi SaaS o cloud appropriati (33%), nella scarsità di strumenti di observability adeguati (30%) e nella quantità eccessiva di dati (28%) gli ostacoli che impediscono loro di offrire una DEX di qualità ai dipendenti. Inoltre, i responsabili IT del settore hanno difficoltà a trovare talenti (35%) e ritengono che i dipendenti non abbiano le competenze necessarie per svolgere le mansioni attuali (45%) e per soddisfare i requisiti futuri. Per far fronte al problema, l’87% degli intervistati ha stanziato un budget per riqualificare il personale IT. L’aggiornamento delle competenze contribuirà a risolvere i problemi legati alla lentezza dei sistemi e delle applicazioni e alla tecnologia obsoleta, che hanno un impatto diretto sulla crescita e sulle performance. Per monitorare proattivamente le performance non prevedibili di rete e applicazioni, il 94% degli intervistati afferma che sono necessari investimenti in soluzioni di Unified Observability che forniscano insight utili per migliorare la DEX. I leader del settore hanno inoltre indicato le tecnologie emergenti e consolidate che ritengono fondamentali per l’azienda nei prossimi 18 mesi:

Cloud (49%); AI (48%); Automazione (41%); Soluzioni di Digital Experience Management (DEM) (37%); tecnologie di Application and Network Acceleration (34%).

Il 51% dei leader del settore afferma che una DEX senza interruzioni è il fattore più importante per mantenere la propria forza lavoro impegnata, superando i tradizionali benefit, come happy hour (25%), caffè gratuito (13%) o prodotti aziendali in regalo (11%).

Scoprite come i decision maker IT e aziendali si stanno avvicinando alla Digital Experience dei dipendenti consultando il report completo: riverbed.com/DEXSurvey2023.

A questo link è consultabile l’infografica sul settore manifatturiero.

Tutti i marchi citati sono marchi commerciali o marchi registrati di proprietà delle rispettive aziende

A proposito di Riverbed

Riverbed è l’unica azienda che potenzia l’offerta con la telemetria globale, dalla rete all’app fino all’utente finale, consentendo di accelerare ogni interazione, in modo che le organizzazioni possano offrire Digital Experience senza interruzioni e migliorare le performance aziendali. Riverbed propone due linee di offerta leader di settore: Alluvio by Riverbed, un portfolio differenziato di Unified Observability che uniforma dati, insight e azioni in tutto l’IT e Riverbed Acceleration, che assicura una rapida, agile e sicura accelerazione di qualsiasi app, su tutte le reti, per gli utenti ovunque. Per saperne di più: www.riverbed.com

Questo si chiuderà in 20 secondi

Translate »