L'inflazione ha un impatto sul mercato del lavoro: lavoratori europei spingono per stipendi migliori e benefit, aziende alla ricerca di soluzioni 1

L’inflazione ha un impatto sul mercato del lavoro: lavoratori europei spingono per stipendi migliori e benefit, aziende alla ricerca di soluzioni

Il 62% dei lavoratori desidera retribuzioni più alte mentre il 70% delle aziende non adotta misure contro l’inflazione. Le strategie e le richieste emergono da un recente sondaggio di PageGroup su 4.000 persone in tutta Europa.

Il tasso di inflazione elevato in Europa continua ad avere un impatto reale su chi lavora e chi è in cerca di impiego. Sebbene la Banca Centrale Europea preveda un lieve calo dell’inflazione in paesi come Italia, Francia e Germania (da una media di 8,4% nel 2022 a circa 5,6%) quest’anno, ci troviamo ancora ben al di sopra dell’obiettivo del 2% fissato dalla BCE. Questa situazione sta influenzando notevolmente le priorità e le scelte di carriera dei lavoratori.

Il sondaggio, condotto da PageGroup, azienda internazionale di recruiting che opera in Italia con i marchi Page Executive, Michael Page e Page Personnel, ha rivelato alcuni risultati inaspettati, che inevitabilmente influenzeranno anche le strategie delle aziende per attrarre e trattenere i migliori talenti.

I risultati. Solo il 4% dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di non aver risentito dell’inflazione, mentre la stragrande maggioranza ha dichiarato di aver sofferto in particolare aumenti collegati a generi alimentari e bollette. Malgrado queste difficoltà finanziarie, oltre la metà dei partecipanti (62%) ha affermato di non aver ricevuto alcun aumento di stipendio nel corso degli ultimi 12 mesi. Tra i pochi fortunati ad averlo avuto, il 31% ha specificato che questo contributo è unicamente destinato a controbilanciare i pesanti effetti dell’inflazione.

“L’inflazione – precisa Tomaso Mainini, managing director di PageGroup – ha un impatto notevole anche sulle aziende che, a causa delle difficoltà economiche e dei limiti di budget, spesso non riescono a prendere provvedimenti concreti per aiutare i dipendenti. Se non è così semplice offrire un adeguamento di stipendio, ci sono però alcuni strumenti che possono aiutare e fare la differenza in un momento che, non possiamo negarlo, è complesso per tutti. Ad esempio, è possibile dare una indennità per coprire l’aumento dei costi dei beni di prima necessità, ma anche offrire benefit non monetari (orari flessibili, lavoro da remoto) che possono migliorare sensibilmente la vita quotidiana delle risorse, senza però incidere sui profitti. È possibile, inoltre, investire in piani di formazione ben strutturati per coltivare una forza lavoro preparata e competente. Io consiglio, indipendentemente da quali strategie si metteranno in campo, di puntare su chiarezza e onestà, elementi fondamentali per favorire un sentimento di fiducia nei dipendenti”.

Strategie adottate dai lavoratori per affrontare uno scenario di inflazione elevata. A fronte del persistere dell’inflazione in Italia e in altri paesi europei, il 41% degli intervistati sta cercando attivamente un impiego con stipendio superiore per far fronte ai costi della vita alle stelle. Un altro 34% sta diventando più flessibile nella ricerca del lavoro, prendendo in considerazione ruoli che prima non avrebbe mai considerato. Sorprendentemente, solo il 18% ha cercato di utilizzare l’aumento del costo della vita come moneta di scambio per negoziare stipendi più elevati nel corso dell’ultimo anno e solo il 5% ha avuto successo in queste negoziazioni.

Il 70% dei lavoratori ha dichiarato che i propri datori di lavoro non hanno intrapreso nessuna azione per combattere gli effetti dell’inflazione, a parte concedere aumenti di stipendio. Una maggioranza più contenuta (53%) ritiene che le retribuzioni debbano essere ritoccate in modo da tener conto dell’inflazione, a prescindere dalle prestazioni del dipendente. Il dato preoccupante è che il 75% dei partecipanti al sondaggio dubita che il proprio stipendio riesca a stare al passo con l’inflazione il prossimo anno.

“La trasparenza – aggiunge Tomaso Mainini – è davvero una delle carte vincenti e i numeri lo confermano: quasi 9 persone su 10 ritengono che le aziende, durante il processo di recruitment, dovrebbero essere più limpidi riguardo alle proprie politiche salariali, incluso il modo in cui intendono adeguare i salari al costo della vita. Non affrontare questo problema può rendere l’azienda meno attraente a potenziali candidati, soprattutto in un’epoca in cui, secondo i lavoratori, solo un terzo delle imprese sta adottando ulteriori misure per combattere attivamente gli effetti dell’inflazione. Sarebbe un’ottima occasione per differenziarsi che, a mio avviso, non andrebbe sottovalutata”.

**

PageGroup è presente nel Regno Unito, in Europa Continentale, Africa, Asia-Pacifico ed America del Nord e del Sud. In Italia opera attraverso 3 key brand: Page Executive, Michael Page e Page Personnel

Translate »