L'intelligenza artificiale si tuffa il mare per preservare le risorse marine 1

L’intelligenza artificiale si tuffa il mare per preservare le risorse marine

  • La digitalizzazione è il miglior alleato per la conservazione dell’ambiente marittimo e per l’incoraggiamento ad adottare misure che possano generare sviluppo economico nelle aree costiere
  • Minsait ha presentato insieme all’INTEC il Rapporto Blue Economy and Blue Growth 2023, che ha l’obiettivo di far avanzare le linee guida per promuovere la digitalizzazione in mare
  • L’inclusione di tecnologie marittime avanzate e il monitoraggio e la gestione delle risorse marine attraverso l’intelligenza artificiale saranno elementi chiave per far evolvere i processi, salvare le specie ittiche in pericolo, consolidare il turismo sostenibile e contribuire a migliorare l’impatto ambientale di questi spazi, tra gli altri benefici

Roma, 2 agosto 2023.- La Blue Economy o Blue Growth ha acquisito importanza negli ultimi anni per la necessità di trovare soluzioni sostenibili in grado di preservare le risorse marine in modo responsabile. Con questo obiettivo, Minsait, una società di Indra, insieme alla Fondazione europea per l’innovazione e l’applicazione della tecnologia (INTEC), ha presentato il Rapporto Blue Economy e Blue Growth 2023, che include le tecnologie più importanti per la conservazione dell’ambiente marittimo, nonché le ultime tendenze per la promozione della Blue Economy in Europa.

“Il settore della Blue Growth e della Blue Economy è quello in cui possiamo esercitare una grande leadership, c’è una magnifica opportunità per crescere con l’aiuto della tecnologia e di farlo in modo più sostenibile. Abbiamo aziende leader a livello mondiale e dobbiamo essere leader nell’implementazione della tecnologia e dell’intelligenza artificiale per migliorare le nostre possibilità”, ha dichiarato Juan Francisco Delgado, Vicepresidente esecutivo della Fondazione Europea per l’Innovazione (INTEC).

Il rapporto evidenzia l’importanza di valorizzare il potenziale economico degli oceani e delle loro risorse, promuovendo un approccio più equilibrato e responsabile dal punto di vista ambientale per garantirne la conservazione a lungo termine ed evitarne lo sfruttamento eccessivo. A tal fine, promuove una gestione coscienziosa della pesca, il turismo sostenibile, la ricerca scientifica e l’innovazione tecnologica. Ciò è possibile grazie alla spinta e all’utilizzo di tecnologie avanzate e dell’intelligenza artificiale. In particolare, nell’immediato futuro sono previste tendenze in questo campo come lo sviluppo di tecnologie marittime avanzate, l’economia circolare nel settore marino, le energie rinnovabili oceaniche, la digitalizzazione e i Big Data nella gestione marina e lo sviluppo del turismo sostenibile nelle aree costiere.

La spina dorsale di molti di questi progressi è l’intelligenza artificiale, che consente il monitoraggio e la gestione delle risorse marine attraverso la raccolta e l’analisi dei dati, facilitandone una migliore comprensione e gestione, l’ottimizzazione delle operazioni di acquacoltura per migliorare l’efficienza e l’impatto ambientale e lo sviluppo di tecnologie marine intelligenti, come robot subacquei autonomi, sensori avanzati e sistemi di comunicazione.

“Queste e altre tendenze evidenziano come la digitalizzazione e, in particolare, le tecnologie all’avanguardia come l’IA, stiano già trasformando la Blue Growth, migliorando l’efficienza, la sostenibilità e la gestione delle risorse marine, oltre a guidare la ricerca e la corretta esplorazione degli oceani”, afferma Alberto Bernal, direttore di Phygital Territories di Minsait.

Promuovere la pesca sostenibile e il turismo di qualità

Gli oceani coprono più del 70% della superficie del pianeta, con una grande diversità di risorse naturali. Pertanto, uno dei settori chiave della Blue Economy è la pesca sostenibile, dove è necessario incoraggiare modelli di gestione responsabile che garantiscano la conservazione degli stock ittici e la loro riproduzione, grazie a misure come quote e taglie minime di cattura o aree protette per consentire il salvataggio delle specie a rischio.

Il rapporto sottolinea la necessità di concentrarsi sulla conservazione di mari sani e sull’uso sostenibile delle risorse marine, creando alternative ai combustibili fossili e alla produzione alimentare tradizionale. Raggiungere gli obiettivi della neutralità climatica e dell’inquinamento zero, in particolare attraverso lo sviluppo di energie marine rinnovabili, la decarbonizzazione del trasporto marittimo e l’ecologizzazione dei porti. A tal fine è necessario completare la transizione verso un’economia circolare e ridurre l’inquinamento, nonché preservare la biodiversità e investire nella natura: la strategia sulla biodiversità fissa l’obiettivo di proteggere il 30% delle aree marine dell’UE per prevenire la perdita di ecosistemi marini. Uno degli obiettivi prioritari del rapporto è sostenere l’adattamento ai cambiamenti climatici e la resilienza delle coste: le attività di adattamento, come lo sviluppo di infrastrutture verdi nelle aree costiere e la protezione delle coste dal rischio di erosione e inondazioni, contribuiranno a preservare la biodiversità e i paesaggi, con conseguenti benefici per il turismo e l’economia.

È inoltre necessario garantire una produzione alimentare sostenibile: “In linea con la strategia Farm to Fork, la produzione sostenibile e i nuovi standard di commercializzazione dei frutti di mare, l’uso di alghe, il rafforzamento del controllo della pesca e la ricerca e l’innovazione nell’acquacoltura cellulare contribuiranno a preservare i mari e gli oceani”, afferma Juan Francisco Delgado.

Attraverso l’implementazione di misure e strumenti tecnologici per la pesca sostenibile, come gli algoritmi di apprendimento automatico che identificano i modelli di pesca illegale o l’automazione di vari processi marittimi con l’IA, il recupero degli stock colpiti dalla pesca eccessiva potrebbe aumentare la produzione di 16,5 milioni di tonnellate, contribuendo a una maggiore sicurezza alimentare e al benessere delle comunità costiere.

Come emerge dal rapporto Blue Economy and Blue Growth 2023 di Minsait e INTEC, la Blue Economy rappresenta l’1,5% del PIL dell’UE, comprendendo anche settori come il turismo costiero e marittimo. In questo senso, ecosistemi marini sani e ben conservati sono attraenti per i turisti, il che genera anche opportunità per le destinazioni, fornendo occupazione e crescita economica senza compromettere l’integrità degli ecosistemi.

L’Italia come benchmark per la Blue Growth

Dato che il settore della pesca e dell’acquacoltura sono due dei pilastri più importanti dell’economia italiana, l’Italia è uno dei Paesi più importanti d’Europa in termini di Blue Economy grazie alla sua estesa linea costiera. L’economia marina incide sulla produzione complessiva in modo diretto per il 3,4%, ma se consideriamo tutta la filiera supera il 9% del PIL, oltre a generare il 3,7% dell’occupazione nazionale, secondo i dati di Informare. Negli ultimi anni, il Paese ha portato avanti progetti di ricerca e sviluppo sia a livello pubblico che privato, oltre alla creazione di diversi cluster e associazioni che promuovono la cooperazione e lo sviluppo congiunto di questo tipo di progetti.

Minsait

Minsait, società di Indra (www.minsait.com), è l’azienda leader nella consulenza negli ambiti della Digital Transformation e delle Information Technologies in Spagna e America Latina. Possiede un alto grado di specializzazione e conoscenza del settore, grazie alle sue capacità di integrare il mondo core con il mondo digitale, alla sua leadership nell’innovazione e nella trasformazione digitale e alla propria flessibilità. In questo modo la società focalizza l’offerta su proposte di valore ad alto impatto, basate su soluzioni end-to-end, con un notevole grado di segmentazione, che le consente di raggiungere risultati tangibili per i propri clienti in ogni settore con un focus sulla trasformazione. Le proprie capacità e leadership si riflettono nella suite di prodotti proprietari, sotto il marchio Onesait, e nella vasta gamma di servizi offerti.

In Italia Minsait conta più di 3.000 professionisti che lavorano presso tutto il territorio nazionale. La società ha sviluppato competenze avanzate in ambiti innovativi come Content & Process Technologies, Customer Experience Technologies, Solutions Architects e Data & Analytics, che consentono di offrire soluzioni e servizi ad alto valore aggiunto nei mercati in cui opera. Minsait ha localizzato in Italia il proprio centro di eccellenza globale per le tecnologie Customer Experience, completando la sua vasta presenza geografica con una consolidata capacità locale di produzione e delivery grazie ai centri di Napoli, Matera e Bari.

Indra

Indra (www.indracompany.com) è una delle principali società globali di tecnologia e consulenza, leader mondiale nell’ingegneria tecnologica per i mercati dell’aerospazio, della difesa e della mobilità, nonché nella trasformazione digitale e nell’Information Technology in Spagna e in America Latina attraverso la sua controllata Minsait. Il suo modello di business si basa su un’offerta completa di prodotti proprietari, con un approccio end-to-end ad alto valore e un’elevata componente di innovazione, che la rendono il partner tecnologico per la digitalizzazione e per le operazioni chiave dei suoi clienti in tutto il mondo. La sostenibilità fa parte della sua strategia e della sua cultura, per rispondere alle sfide sociali e ambientali presenti e future. Nel 2022, Indra ha registrato un fatturato di 3.851 milioni di euro, circa 57.000 dipendenti, presenza locale in 46 Paesi e operazioni commerciali in oltre 140 Paesi.

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.

This will close in 20 seconds

Translate »