Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 1

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore

Quando si tratta di cuffie o auricolari nel mercato troviamo davvero un’infinità di soluzioni, dai brand conosciuti e non e dai prezzi alti fino a quelli più economici. In tale settore c’è stata unazienda che si è fin da subito contraddistinta rispetto le altre per delle soluzioni differenti; sto parlando di Nura e della sua esperienza di audio personalizzato, oltre a prodotti dal design e caratteristiche particolari (tipo le prime cuffie Nuraphone over ear dell’azienda, da noi recensite).

Oggi vogliamo presentarvi la loro prima soluzione di auricolari con cancellazione del rumore ed i primi auricolari al mondo che propongono l’audio aptX Lossless di Qualcomm: sto parlando delle NuraTrue Pro.

Rappresentano un’evoluzione delle sorelle NuraTrue, andandole ad affiancare ma non sostituire.

Le NuraTrue Pro sono stati lanciati all’inizio di quest’anno a seguito di una campagna di crowdfunding Kickstarter, l’azienda ha già adottato questo approccio per le sue cuffie, per poter sicuramente usufruirne come strumento per la gestione dei preordini, ottenendo un grande successo.

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 2

Partendo dalla confezione, molto curata come in tutti i prodotti di Nura, troveremo al suo interno:

NuraTrue Pro

Case di ricarica

4 paia di cuscinetti in silicone

2 paia di alette

1 paio di cuscinetti in schiuma

Cavo di ricarica USB-A a USB-C 

Un paio di auricolari a forma circolare e misurano 26mm x 18mm x 25,3mm e 8,6 g per auricolare mentre per quanto concerne il case 30,2mm x 35mm x 72,4mm.

In merito al design non abbiamo nulla di nuovo rispetto al modello NuraTrue e porta in dote la stessa regolazione del suono personalizzata, marchio di fabbrica della società che è già apparso sui vari prodotti, NuraPhone, NuraLoop e NuraTrue. 

Inoltre troviamo un’ottima connettività Bluetooth 5.3 tra le caratteristiche principali del nuovo modello Pro, oltre al supporto alle connessioni multipoint (grande novità per passare con facilità da un dispositivo ad un altro) ed anche il codec audio aptX Lossless (retrocompatibile con le versioni precedenti Qualcomm aptx classico e AAC e SBC) di Qualcomm, una novità interessantissima; ma anche non facile da sfruttare visto che è limitato a smartphone con i recenti processori Qualcomm Snapdragon 8+ Gen 1.

NuraTrue Pro rappresentano un’evoluzione del modello normale, oltre anche ad un prezzo maggiorato ponendosi ad un livello di mercato con gli AirPods Pro 2, Samsung Galaxy Buds 2 Pro ed i Bose QuietComfort Earbuds 2, che hanno in comune in primis la cancellazione del rumore ANC.

Rispetto al modello NuraTrue troviamo sicuramente degli ottimi aggiornamenti come la ricarica rapida via cavo e ricarica wireless, la durata della batteria maggiorata, la già citata cancellazione del rumore adattivo, ed altri piccoli miglioramenti come l’ANC e delle chiamate, fino ad arrivare alla caratteristica di punta ossia il supporto audio Bluetooth Lossless per una qualità CD audio senza perdite, il primo in questo settore. Tutto questo senza dimenticare l’ottima qualità costruttiva.

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 5

In questo caso NuraTrue Pro offre 90 giorni di TIDAL HiFi Plus, idoneo solo per i nuovi membri TIDAL.

Piccoli accorgimenti anche lato case di ricarica che ora si presenta con il logo in ceramica lucida sul coperchio ed un finitura opaca più elegante, ed un leggero aumento di peso sicuramente dovuto all’aggiunta del supporto per la ricarica wireless. Sul retro la porta USB-C e sulla parte anteriore troviamo tre luci che mostrano lo stato di carica. 

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 6

Anche sugli auricolari si sposta questa nuova rifinitura in ceramica lucida sia sul logo che al bordo, per una maggiore resistenza ai graffi e possiedono un grado di protezione IPX4, in grado di resistere alla pioggia leggera o alle corse sudate.

NuraTrue Pro sono progettati per essere inseriti nel canale dell’orecchio, mentre l’ampia porzione esterna copre una discreta quantità dell’orecchio esterno. La superficie risulta ampia all’esterno e fa sentire i Pro un pò ingombranti rispetto alle soluzioni adottate dai rivali; in ogni caso sono presenti una coppia di ali, forniti per una sicurezza aggiuntiva. Anche con “ali” montate gli auricolari possono ancora essere ospitati dalla custodia di ricarica grazie alle scanalature presenti all’interno.

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 7

Ogni auricolare offre comandi touch singoli, doppi e tripli, che possono essere rapidamente assegnati a un elenco di funzioni di controllo. Le opzioni standard sono di Play/Pausa, Risposta e chiudere le chiamate, attivazione modalità social e di immersione, saltare le tracce ed attivare l’assistente vocale; tutte possono essere facilmente riconfigurate a propria scelta.

Il sensore di rilevamento nell’auricolare funziona in modo efficace, nel caso dovessimo rimuove un auricolare dall’orecchio inizierà la pausa automatica e riposizionandolo nell’orecchio riprenderà immediatamente la riproduzione. Puoi modificare il livello di rilevamento nel menu delle impostazioni solo per mettere in pausa automaticamente la riproduzione quando entrambi gli auricolari vengono rimossi o disattivare completamente il comportamento di pausa automatica.

Recensione NuraTrue Pro: l’audio ad un livello superiore 8

Cosi come per NuraTrue anche il modello Pro possiede la personalizzazione del suono di Nura per valutare l’adattamento degli auricolari per ciascuna persona e valutare le capacità dell’udito per personalizzare l’output del suono specificamente alle proprie orecchie attraverso una breve analisi di test di ascolto. Il modello Pro aggiunge anche un EQ a cinque bande per personalizzare ulteriormente l’output del suono, oltre quella personalizzata da Nura.

Si aggiunga anche lo Spatial Audio, da non confondere con quella sugli AirPods di Apple, infatti non consente di sfruttare appieno i contenuti Dolby Atmos e non c’è alcun tracciamento della testa. Nel modello Pro di Nura si avrà semplicemente una dimensione più “spaziale”-ampio del palcoscenico stereo e sinceramente l’ho trovata interessante anche se non si tratta di una differenza incredibile, però a me è piaciuta.

Ottimi miglioramenti lato cancellazione del rumore, cosi per la modalità Social, infatti ho notato un maggiore soppressione dei rumori di fondo (è disponibile un solo livello di ANC) oppure mentre ci si sposta l’elaborazione delle cuffie riesce, in seconda battuta, ad attenuare il tutto con ottimi risultati. Invece la modalità Social (chiamata cosi da Nura ma sarebbe la cosi detta Trasparenza) andava a migliorare l’amplificazione dei suoni e voci nel nostro orecchio, forse un pelino troppo però fa un buon lavoro in merito al farci sentire le voci delle persone. 

Migliorano anche le chiamate, grazie all’aggiunta di ulteriori microfoni come anche quello a conduzione ossea cosi che va a separare meglio la voce da qualsiasi rumore di fondo. 

Lato batteria non c’è stato un miglioramento in maggiori dimensioni ma un miglioramento a livello di efficienza che adesso porta a otto ore di riproduzione, rispetto a sei del modello precedente e 24 ore nella custodia, mentre 18 nel modello precedente. Con il cavo avremo modo di ottenere una ricarica veloce, cosi da avere le cuffie cariche in men che non si dica, oppure per comodità potrete appoggiarle ad un caricabatterie Qi ed eliminare i fastidiosi cavi.

Adesso addentriamoci nel lato sonoro di questi auricolari, le novità ci sono e si fanno sentire ma alla fine come suonano? Partendo inizialmente dalla configurazione, identifica ai precedenti modelli Nura, l’applicazione ci guida nella creazione del nostro profilo audio per equalizzare il suono in base alle nostre orecchie; sembrerà strano ma effettivamente noterete una differenza tra i profili di altri utenti.

Impostato il tutto, il suono rimane molto simile al modello NuraTrue che avevamo già apprezzato in precedenza; i bassi sono ben marcati, le altre frequenze risultano ben equilibrate creando un suono per niente fastidioso ma semmai avvolgente e ricco di dettagli.

La vera chicca al suono è data all’aptX Lossless che gli fornisce una qualità altissima, il nuovo codec promette di trasmettere l’audio di qualità CD a 16 bit/44,1kHz su Bluetooth a velocità dati fino a 1.200kbps, qualcosa che al momento non si era mai visto sul mercato.

Molto probabilmente non sarà facile notare le piccole sfaccettature del suono, in quanto la differenza è sottile, ma per molti audiofili questo miglioramento sarà davvero un passo avanti; Nura vuole cercare di mantenere la comodità di un paio di auricolari, e la sua portabilità, rispetto ad una soluzione più ingombrante di un set di cuffie con cavo e di un DAC a supporto.

Conclusione

Nura ha creato un paio di auricolari con le migliori funzionalità rispetto a qualsiasi concorrenti sul mercato; proponendo la connettività multipoint ed il supporto Bluetooth Lossless Audio ed un audio personalizzato.

Se queste caratteristiche uniche non sono per voi importanti e vi accontentate di altre caratteristiche, forse il prezzo è la nota negativa e potreste optare per altre soluzioni meno costose. Però se siete alla ricerca del massimo in merito ad un’esperienza audio personalizzata e dal top in merito ad hardware su degli auricolari, non potrete fare a meno di prendere i considerazione iNuraTrue Pro.

NuraTrue Pro sono disponibili direttamente sul sito del produttore al costo di €359.

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.

This will close in 20 seconds

Translate »