Recessione dei talenti: come scongiurarla grazie all’intelligenza artificiale 1

Recessione dei talenti: come scongiurarla grazie all’intelligenza artificiale

Oltre 63 mila lavoratori in Italia rischiano di perdere il lavoro nel 2023 a causa della crisi economica e dell’inflazione che investirà il nostro Paese nei prossimi mesi. Queste le previsioni poco incoraggianti della Cgia, sulla base dei dati Istat.

L’HR-Tech Company HRCOFFEE consiglia di affidarsi a strumenti di intelligenza artificiale per valorizzare il capitale umano e scongiurare la recessione dei talenti in un periodo già così complesso.

Il 2023 è iniziato con previsioni poco incoraggianti per l’economia del nostro Paese. Secondo quanto emerge dalle stime della Cgia (​​Confederazione Generale Italiana dell’Artigianato), effettuate sulla base dei dati Istat, oltre 63 mila italiani rischiano di perdere il lavoro e il tasso di disoccupazione potrebbe raggiungere l’8,2% a causa della grande crisi economica che si prospetta nei prossimi mesi. Durante i periodi di recessione, infatti, le aziende tendono a ridurre gli investimenti, a limitare le assunzioni e, nel peggiore dei casi, a ricorrere al licenziamento.

Ciò che però le aziende spesso sottovalutano in periodi di crisi economica, è che la perdita di personale qualificato può avere un impatto maggiormente negativo sui bilanci dell’impresa. Infatti, pur rappresentando un risparmio di costi nell’immediato, può trasformarsi, nel medio-lungo termine, in un esborso maggiore da parte delle organizzazioni, che si trovano a dover investire budget non previsti per la selezione e la formazione di nuove figure. Inoltre, anche la mancata cura per il benessere, la flessibilità e la formazione dei propri dipendenti può causare molti più costi e disagi rispetto all’attuazione di politiche per l’ascolto e la valorizzazione dei propri lavoratori.

“Le imprese che desiderano limitare le perdite hanno interesse a valorizzare e mantenere i propri talenti. Ogni professionista qualificato che lascia il proprio posto di lavoro, rappresenta una grande spesa per l’azienda, che dovrà iniziare un processo di selezione e formazione di un nuovo candidato, che sia in grado di assicurare gli stessi standard. – ha commentato Davide de Palma, CTO e Co-Founder di HRCOFFEE – In periodi di crisi economica e recessione, è quindi fondamentale, per quanto possibile, continuare a valorizzare e motivare il proprio capitale umano, ascoltando le diverse esigenze e i bisogni, per non rischiare di dover investire budget non previsti nella ricerca di nuove figure in sostituzione di chi cambia realtà lavorativa perché non soddisfatto di quella attuale.”

Al fine di scongiurare una vera e propria “recessione dei talenti” dovuta da un lato a una scarsa risposta da parte delle aziende ai cambiamenti e ai mutamenti socio-economici in corso e dall’altro alla poca attenzione verso le proprie risorse, HRCOFFEE (https://www.hrcoffee.it), Hr-Tech Company pugliese specializzata nello sviluppo di software per il People Management e People Analytics, consiglia alle aziende di affidarsi a strumenti di intelligenza artificiale per l’ascolto e la valorizzazione del personale.

Conoscere e saper utilizzare tecnologie per la gestione del capitale umano è fondamentale per non farsi trovare impreparati alle nuove esigenze che si presenteranno nei prossimi mesi e che si andranno ad aggiungere a quelle già esistenti e diventate priorità irrinunciabili per i lavoratori post-covid, come ad esempio: flessibilità, possibilità di lavoro da remoto, equilibrio tra lavoro e vita privata, opportunità di crescita e sviluppo delle proprie competenze.

Tecnologie come HRCOFFEE People Analytics Platform consentono di conoscere e mappare lo stato di salute dell’organizzazione e di creare modelli predittivi funzionali per le decisioni strategiche di business. L’intelligenza artificiale, inoltre, permette di porre al centro le persone che abitano l’azienda, di favorire l’interazione e di far emergere iniziative di open innovation e coprogettazione, in un’ottica di continua evoluzione, di aumento dell’engagement, di analisi del divario delle competenze, di sviluppo dei processi di autovalutazione, di formazione, di mappatura delle abilità e dei bisogni del singolo.

“I nuovi strumenti di intelligenza artificiale consentono alle aziende di rimanere al passo con i tempi e di adeguarsi velocemente alle mutevoli esigenze dei propri stakeholder e ai cambiamenti sociali ed economici in atto. Giocare in anticipo, non farsi trovare impreparati, fare i giusti investimenti e mettere al centro la persona sono gli elementi fondamentali e la chiave per evitare la fuga dei talenti e un ulteriore colpo alle finanze dell’azienda già potenzialmente provate dalla crisi.” – ha concluso Davide de Palma.

Di questi temi HRCOFFEE parlerà il 19 gennaio, durante la Giornata del lavoro agile, promossa dalla Regione Puglia. L’evento “7 keywords per progettare la nuova quotidianità” si terrà a Molfetta, presso la sede di Exprivia e sarà l’occasione per riflettere insieme sulle nuove sfide del settore HR e per confrontarsi sui nuovi paradigmi lavorativi, welfare, lavoro agile, co-progettazione, strumenti di people strategy e molto altro ancora.

A proposito di HRCOFFEE
HRCOFFEE è una HR-Tech Company, specializzata nello sviluppo di software per il People Management e People Analytics. Ha sede a Molfetta (BA) e si occupa di consulenza strategica in ambito Risorse Umane per piccole e medie imprese, grandi aziende e pubblica amministrazione che mirano ad assumere, impiegare e motivare in modo efficiente il personale per il raggiungimento degli obiettivi individuali, di squadra e aziendali. Nata nel 2018 e compartecipata da Exprivia S.p.A, l’azienda ha sviluppato un nuovo modello di gestione del personale basato su una piattaforma social, dotata di intelligenza artificiale, che attraverso un’interazione tra i collaboratori genera una serie di informazioni e report utili alla funzione Risorse Umane per mantenere alti i livelli di qualità organizzativa. HRCOFFE è stata fondata da Davide De Palma e Maria Cesaria Giordano, marito e moglie, entrambi con una Laurea in Psicologia del Lavoro e Organizzazioni all’Università di Bari e dal loro socio Dario Nuccetelli. Nel 2018 la startup è giunta fra le quattro finaliste alla World Open Innovation Conference promossa dall’Università di Berkley. Oggi HRCOFFEE è anche la prima startup italiana certificata Family Audit.

This will close in 20 seconds

Translate »