"Starmus Earth: il futuro del nostro pianeta" annunciato in un evento simultaneo senza precedenti a Londra e Bratislava 1

“Starmus Earth: il futuro del nostro pianeta” annunciato in un evento simultaneo senza precedenti a Londra e Bratislava

Dai cambiamenti climatici alla crisi ambientale, dall’etica dell’intelligenza artificiale all’ingegneria genetica, Starmus VII, in collaborazione con ESET, si concentrerà sul futuro del nostro pianeta.

"Starmus Earth: il futuro del nostro pianeta" annunciato in un evento simultaneo senza precedenti a Londra e Bratislava 2

Milano, 12 Maggio 2023Starmus, il festival globale della comunicazione scientifica – nato da un’idea dell’astrofisico Garik Israelian, PhD, e del chitarrista dei Queen Sir Brian May, che ha anche un dottorato in astrofisica – ha annunciato che volgerà lo sguardo dalle stelle al futuro del pianeta Terra, portando la sua settima edizione a Bratislava nel 2024.

Ieri, Sir Brian May e il dottor Garik Israelian hanno annunciato il tema del festival, “Starmus Earth: il futuro del nostro pianeta”, in occasione di un evento presso la Royal Society di Londra. A loro si sono uniti l’etologa e conservazionista di fama mondiale Jane Goodall, (che ora entra a far parte dello Starmus Advisory Board), il cosmologo Sir Martin Rees e la Global Governance Professor Mary Kaldor, che hanno condotto una discussione esclusiva, moderata dal Dr. Israelian, su come risolvere alcune delle sfide più urgenti del nostro pianeta.

La microbiologa e premio Nobel Emmanuelle Charpentier si è unita al panel in remoto da un evento parallelo di lancio sul fiume Danubio a Bratislava, insieme all’inventore dell’iPod Tony Fadell e a Richard Marko, esperto di sicurezza informatica e CEO di ESET, main partner del festival.

“Starmus si è tradizionalmente concentrato sull’interrogazione dei misteri dell’universo, guardando verso l’alto per ispirare ed educare la prossima generazione di esploratori e rigenerare lo spirito di scoperta, riunendo l’arte, la musica e le più grandi menti scientifiche e artistiche del mondo per migliorare la comunicazione scientifica”, ha dichiarato il co-fondatore di Starmus, il dottor Garik Israelian. Come dice il vecchio detto, “anche la Terra è un pianeta!”. Siamo una parte privilegiata del cosmo e, in quanto esseri viventi, siamo fatti di materia stellare. Gli stessi atomi del nostro corpo sono stati forgiati nei primissimi giorni dell’universo o nella morte di stelle di bassa e alta massa. La Terra è nell’universo e ne fa parte tanto quanto le stelle”.

“Il cambiamento climatico potrebbe rendere insostenibile la vita sulla Terra e stiamo già vedendo i segni di questa rapida evoluzione. Dobbiamo prendere provvedimenti per prenderci cura del nostro mondo e Starmus offre una voce importante che richiama l’attenzione sull’urgenza”, ha dichiarato la dottoressa Jane Goodall.

Nel 2024, Starmus volgerà lo sguardo più vicino a noi e analizzerà come affrontare le sfide che più minacciano il futuro della Terra, dalle minacce che incombono sull’ambiente e sul clima alle tecnologie di larga scala come l’intelligenza artificiale, l’ingegneria genetica e la sicurezza informatica, oltre alle crisi umanitarie causate dai conflitti armati in tutto il mondo.

“Dal 2011, le conferenze STARMUS hanno riunito scienziati e artisti per guardare con occhi attenti lo spazio che ci circonda e celebrare le meraviglie dell’Universo.  Quest’anno più che mai, consapevole dell’attuale minaccia di estinzione della vita nella biosfera, per la prima volta STARMUS si concentra sul nostro pianeta natale.  Riunendo molti dei più grandi e liberi cervelli di tutti i Paesi, cercheremo di trovare nuove risposte alle domande che dobbiamo porci per salvare la vita del Pianeta Terra”, ha dichiarato Sir Brian May, leggendario chitarrista dei Queen, cofondatore di Starmus e membro dell’Advisory Board.

Quest’anno Starmus collabora con ESET – azienda europea globale di cybersecurity con sede a Bratislava – per ispirare i giovani slovacchi e di tutto il mondo ad assumersi la responsabilità e a contribuire al futuro del nostro pianeta, utilizzando la ricerca scientifica e le tecnologie più avanzate. 

“Il ruolo di ESET è quello di fornire tecnologie e innovazioni all’avanguardia che proteggano il progresso della società. Crediamo che questo progresso sia portato avanti dalla scienza”, ha dichiarato Richard Marko, CEO di ESET. “Siamo orgogliosi di collaborare con Starmus e di unirci ai suoi sforzi per ispirare le nuove generazioni di scienziati e coloro che ne apprezzano i valori”.

Starmus Earth accoglierà scienziati, artisti e ambientalisti di fama mondiale per condividere scoperte rivoluzionarie, discutere di grandi questioni e ispirare nuove generazioni di scienziati, tecnologi e attivisti. Lo Starmus Advisory Board annuncerà l’elenco completo di scienziati, artisti e musicisti più avanti nel corso dell’anno, ma tra gli oltre 40 relatori confermati per Starmus Earth ci sono l’astronauta e moonwalker dell’Apollo 16 Charlie Duke, l’ex presidente d’Irlanda Mary Robinson, la fisica Donna Strickland e il leggendario presentatore televisivo scientifico americano Bill Nye. (elenco completo su https://www.starmus.com/)

Il festival, come nelle precedenti edizioni, assegnerà anche la Medaglia Stephen Hawking per la comunicazione scientifica in quattro categorie: Musica e Arte, Scrittura scientifica, Film e Spettacolo e Carriera.

Oltre a lanciare la sua settima edizione, Starmus ha anche pubblicato performance musicali inedite delle passate edizioni del festival: “Who Wants to Live Forever? ” da Starmus V, eseguita da Sir Brian May, Hans Zimmer, Vittorio Grigolo, Steve Vai e Rick Wakeman con l’Orchestra Sinfonica di Lucerna; e “Smoke on the Water” da Starmus VI, con Sir Brian May, Jeff Scott Soto, Derek Sherinian, Simon Phillips, Ric Fierabracci e Ron “Bumblefoot” Thal.

Il festival dell’anno prossimo sarà il primo Starmus dal settembre 2022, anno in cui si tenne a Yerevan, in Armenia, per celebrare i 50 anni di esplorazione di Marte da parte dell’umanità. Le precedenti edizioni di Starmus hanno visto il festival spostarsi a Zurigo, in Svizzera, a Trondheim, in Norvegia, e alle Isole Canarie in Spagna.

I biglietti per Starmus Earth, che si terrà a Bratislava dal 12 al 17 maggio 2024, saranno in vendita a ottobre. Per maggiori informazioni visitare Starmus.com

Tutti i marchi citati sono marchi commerciali o marchi registrati di proprietà delle rispettive aziende

A proposito di ESET

Da oltre 30 anni, ESET® è leader nello sviluppo di software e servizi di sicurezza IT per proteggere aziende, infrastrutture strategiche e utenti finali in tutto il mondo da minacce digitali sempre più sofisticate. Con soluzioni che spaziano dalla sicurezza di endpoint e dispositivi mobili, alla crittografia e all’autenticazione a due fattori, i prodotti ESET offrono prestazioni elevate e sono facili da usare, proteggono e monitorano in modo discreto 24/7 i propri clienti, aggiornando le difese in tempo reale per mantenere gli utenti al sicuro ed evitare interruzioni alle attività aziendali. Le minacce in continua evoluzione necessitano di un’azienda di sicurezza IT all’avanguardia, che garantisca un uso sicuro della tecnologia, garanzia che viene dai centri di ricerca e sviluppo ESET in tutto il mondo, che lavorano per rendere più sicuro il nostro futuro. Per ulteriori informazioni, visitate www.eset.com o seguite ESET sui nuovi canali italiani di LinkedIn, Facebook e  Twitter.

This will close in 20 seconds

Translate »