Un anno storico per il calcio femminile, ma non per tutti il calcio è uno sport “da donne” 1

Un anno storico per il calcio femminile, ma non per tutti il calcio è uno sport “da donne”

  • Una ricerca commissionata da eBay mette in luce cosa pensano gli italiani del binomio “donne e calcio” e delle attività tradizionalmente considerate “maschili”
  • ·       Il 40% degli italiani mostra ancora forti resistenze verso il calcio femminile nonostante questo sport stia acquisendo sempre più popolarità

Cresce la popolarità del calcio femminile a livello internazionale e in Italia, dove si è appena concluso il primo campionato di Serie A Femminile giocato da professioniste. Continuano, tuttavia, a persistere forti resistenze verso il binomio “donne e calcio”: nonostante una donna su tre si dichiari appassionata di calcio, questo sport viene ritenuto decisamente più “maschile” da quasi il 40% degli italiani.

L’effetto dei pregiudizi ha un impatto più forte sulla fascia più giovane degli intervistati (18-35 anni): uno su quattro cercherebbe di far cambiare idea a una bambina che mostra passione per il calcio, per paura che possa subire qualche forma di discriminazione. Il 67,5% degli italiani ritiene, infine, che ci sia una generale discriminazione nei confronti delle donne in ambito lavorativo: per due persone su tre le donne sono penalizzate nelle opportunità di carriera e alcune professioni sono ancora oggi considerate più maschili (come ingegnere o medico chirurgo).

Sono queste alcune delle evidenze emerse dalla ricerca «Le donne, il lavoro e lo sport» commissionata da eBay[1] all’istituto di ricerca Human Highway che mette in luce l’opinione degli italiani sul tema “donne e calcio” e le attività tradizionalmente considerate “maschili”, tra vecchie discriminazioni e un nuovo entusiasmo per un movimento in forte crescita.

Un’ulteriore occasione per eBay, già partner della Divisione Calcio Femminile FIGC, di promuovere conoscenza e progetti volti a favorire l’inclusione e la parità di genere in ogni ambito.

Quello appena concluso è stato un anno storico per il calcio femminile, in cui le giocatrici hanno conquistato la scena. I dati del Centro Studi FIGC mostrano un forte incremento del numero delle calciatrici tesserate – nella stagione sportiva 2021-22 i nuovi tesseramenti nel calcio femminile giovanile hanno raggiunto il numero storico di 11.278, mentre il numero complessivo di tesserate è aumentato del 94% tra il 2008 e il 2022 – e del seguito da parte del pubblico – i follower dei 10 club di Serie A sui canali social sono più che raddoppiati rispetto al 2021, oltre all’aumento degli ascolti televisivi e le presenze allo stadio.

La sintesi dalla ricerca «Le donne, il lavoro e lo sport»

Come accade nell’ambito lavorativo e nelle occupazioni della vita quotidiana, anche nello sport le donne subiscono ancora i pregiudizi che le vedono meno adatte a determinate discipline o professioni.

La maggior parte degli italiani ritiene che ci sia discriminazione nei confronti delle donne (67,5%). Per due persone su tre, le donne sono penalizzate nelle opportunità di carriera, nello stipendio medio e nelle condizioni lavorative e ci sono professioni che ancora oggi sono considerate più adatte a un uomo, ad esempio ingegnere o medico chirurgo.

Nonostante una donna su tre si dichiari appassionata di calcio, questo sport viene ritenuto decisamente più “maschile” da quasi il 40% degli italiani e uno su dieci ancora oggi si prenderebbe gioco di una donna calciatrice. Opinioni espresse in maggioranza da uomini, che si dichiarano meno favorevoli perché ritengono che il divario di gioco fra uomini e donne nel calcio sia enorme.

Tra questi, uno su tre ritiene che il calcio sia uno sport storicamente maschile; per uno su cinque il calcio femminile è considerato lento e noioso, perché il fisico femminile è meno potente e uno su dieci pensa che il campo da calcio sia troppo grande per le condizioni atletiche di una donna.

Una situazione ambivalente si registra tra le nuove generazioni: Il 23% dei rispondenti tra i 18-24 anni e tra i 25-35 anni (vs l’11% delle fasce più mature) sosterrebbero la scelta di una bambina di giocare a calcio, ma la dissuaderebbero per paura che venga schernita e isolata. Un quarto del campione pensa che ci siano sport più adatti e cercherebbe di farle cambiare idea. Un 15,3% dichiara apertamente che il calcio non è uno sport “da donne”. In generale, l’80% degli italiani vede con favore la passione di una bambina per il calcio, ma la paura che possa subire qualche forma di discriminazione è un freno molto forte.

Sorte non dissimile per una donna adulta che dichiari di praticare il calcio: se è vero che oltre l’80% afferma di trovare naturale questa scelta, più del 10% dei rispondenti mostra resistenza e le suggerirebbe di cambiare sport.

La novità del passaggio al professionismo per le calciatrici della massima serie del calcio femminile, avvenuto a inizio luglio 2022, è stata accolta positivamente dall’83% del campione, ma c’è un 15% a cui non interessa. E se la maggioranza (4 su 5) pensa che le calciatrici professioniste potranno avere poi un futuro allenando altre squadre femminili (o maschili) di serie A, come dirigenti o come opinioniste TV, il 15% crede che sia meglio per loro cambiare sport.

Nove su dieci non vedono problemi nel ruolo delle dirigenti donne nel calcio maschile e 4 su 5 ne vorrebbero di più. Il 60% dei rispondenti crede che le dirigenti donne debbano essere più brave degli uomini per essere credibili e un 50% le ritiene effettivamente migliori. Per 1 rispondente su 4 le donne dirigenti nel calcio hanno poca credibilità; per 1 su 5 sono una forzatura o possono andare bene in campionati minori, ma non nella serie A maschile.

Translate »