NewsTech

WebServer con RaspberryPi in soli 10 minuti

WebServer con RaspberryPi in soli 10 minuti 1

Oggi vedremo come creare un WebServer con un RaspberryPi minima spesa massima resa.

WebServer con RaspberryPi in soli 10 minuti 2

Perchè utilizzare un Raspberry Pi?

Utilizzare un Raspberry Pi come server ha tantissimi vantaggi:

  • Un computer consuma in media 80/100W, ed ha un costo annuo di 200€.Un Raspberry Pi, che consuma 5W in media, ha un costo annuo di soli 10€
  • Un computer è rumoroso, richiede una certa ventilazione e locali adatti. Un Raspberry Pi non genera alcun rumore, produce poco calore e, non essendo più grande di un pacchetto di sigarette, può essere collocato dove preferiamo.
  • Mentre un computer si spegne al minimo calo di tensione, essendo il Raspberry Pi alimentato attraverso un trasformatore, può resistere a blackout di alcuni secon- di; tuttavia, un gruppo di continuità (UPS) è indispensabile per evitare eventuali downtime.
  • Un Raspberry Pi ha un processore a 700MHz (eventualmente lo si può overclockare, anche se lo sconsiglio in quanto potrebbe recare danni all’hardware, in particolare alla scheda SD): questa capacità di calcolo è più che sufficiente per gestire un sito statico di sole pagine HTML, o dinamico in PHP. Si può utilizzare anche un database MySQL, a patto di non non sovraccaricarlo troppo con CMS piuttosto complessi (come WordPress o Mediawiki – in alternativa si può usare Drupal o Dokuwiki, oppure spostare il server MySQL su un’altra macchina o usare più di un raspberry).

Una volta acquisite queste informazioni possiamo procedere con la scelta della distribuzione da utilizzare.

NECESSARIO:

  • Raspberry pi
  • La versione RASPBIAN Debian Wheezy (link).
  • connessione a internet

Installiamo,subito,  Apache e PHP, vitali per il nostro nuovo webserver:

Fatto questo procediamo con l’aggiunta del percorso di configurazione Apache:

3. sudo nano /etc/apache2/apache2.conf

Andiamo sul fondo del documento e aggiungiamo:

Ora verifichiamo  che tutto sia andato a buon fine digitando sul nostro browser l’indirizzo ip del nostro raspberry pi (es 192.168.x.x) e vedremo comparire il seguente messaggio:

Per raggiungere phpmyadmin non dobbiamo far altro che aggiungere/phpmyadmin dopo l’indirizzo ip (es. 192.168.x.x/phpmyadmin)

Concludiamo il tutto assegnando i giusti permessi alla cartella /var/www con:

Cambiamo il proprietario dei file contenuti in /var/www da root a www-data

Leave a Response

Fabio Guerrera
Appassionato di sicurezza informatica, analisi dati, ruolo gestionale e di acquisizione clienti tramite il Digital Marketing e Growth Marketing! Il classico cacciatore di teste!
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<