Xiaomi 12T Pro Daniel Arsham Edition: uno smartphone da collezione 1

Xiaomi 12T Pro Daniel Arsham Edition: uno smartphone da collezione

Xiaomi e Daniel Arsham collaborano per realizzare un’edizione limitata dell’ultimo smartphone Xiaomi 12TPro.

Xiaomi 12T Pro Daniel Arsham Edition: uno smartphone da collezione 2

Milano, 23 novembre 2022 – Unendo il mondo della scultura con il bene di consumo più importante del momento, lo smartphone, Xiaomi collabora con Daniel Arsham per trasformare il suo ultimo modello Xiaomi 12T Pro, in un prodotto iconico che coniuga passato, presente e futuro in un design contemporaneo: Xiaomi 12T Pro Daniel Arsham Edition.

Nato dall’estetica “Future Archeological” di Daniel Arsham, per la prima volta l’artista sperimenta su uno smartphone la creazione delle texture delle sue proposte scultoree di obsolescenza ed erosioni naturali. Creando ed esplorando nuove prospettive del rapporto con il dispositivo contemporaneo di uso quotidiano più personale e coinvolgente del nostro periodo storico, viene concepito un oggetto senza tempo di “archeologia fittizia” al di fuori di un museo o di una galleria, partendo dalla scatola scultorea alla sensazione estetica e fisica dello stesso prodotto di Xiaomi.

“Sono sempre propenso a portare il mio lavoro in contesti diversi da quelli tipici del mondo dell’arte. Ho concepito Xiaomi 12T Pro come se fosse una scultura il cui scopo esula dall’essere un oggetto funzionale; tra 20 anni le persone che lo avranno non lo useranno più come un semplice smartphone ma come un oggetto scultoreo, legato a un particolare momento storico e che va al di là della sua funzionalità” – racconta Daniel Arsham.

Realizzata nella prospettiva di un futuro immaginario di dematerializzazione digitale, questa collaborazione è guidata dai valori fondamentali di Xiaomi come innovazione, design e produzione, e plasmata dallo zeitgeist di Daniel Arsham in una visione di archeologia figurativa.

Il lavoro di Daniel gioca spesso con il concetto di tempo, sia futuro che passato. In quanto azienda che ha come fulcro l’innovazione, il tempo è il nostro bene più prezioso e rappresenta quello che siamo disposti a scambiare con la qualità e la tecnologia. Questa collaborazione non è quindi solo incentrata su uno smartphone, bensì su una tecnologia avanzata utilizzata per realizzare il progetto dell’artista. Crediamo sia un prodotto affascinante per le persone di oggi e rimarrà un pezzo da collezione per i decenni a venire” – spiega Yiyang Liu, Head of Co-branding di Xiaomi.

Xiaomi 12T Pro Daniel Arsham Edition sarà presto disponibile in Europa Occidentale in quantità limitata: solo 2.000 pezzi saranno acquistabili al prezzo di 899,00 euro, in pre-vendita dalle ore 10.00 del 5 dicembre su mi.com e su highsnobiety.com e dalle ore 10.00 del 16 dicembre anche presso il pop-up store Xiaomi x Daniel Arsham di Berlino.

Per rimanere aggiornati sul progetto e sulle attività del brand in Italia, potete seguire Xiaomi su Facebook, Instagram, Twitter, Telegram, TikTok e sulla Xiaomi Community.

Daniel Arsham

Daniel Arsham è un artista newyorkese i cui lavori spaziano tra belle arti, architettura, performance art e cinema. Le opere iconiche di Arsham fondono passato, presente e futuro, mostrando la malleabilità e il potere della nostalgia, spesso attraverso riferimenti a momenti della fine del XX secolo. Calchi erosi di artefatti moderni e figure umane contemporanee, le sue opere sono realizzate con materiali geologici come sabbia, selenite e cenere vulcanica. Questi materiali conferiscono l’aspetto e l’estetica dell’erosione o delle reliquie archeologiche del futuro, come le ha definite Arsham.

Arsham è stato protagonista di mostre personali al Musée Guimet, Parigi, Francia; all’UCCA Center for Contemporary Art, Dune, Cina; al MOCO Museum, Amsterdam, Paesi Bassi; all’HOW Museum, Shanghai, Cina; al Cranbrook Art Museum, Detroit, Michigan; e all’High Museum of Art, Atlanta, Georgia, USA. Le sue opere sono state esposte alla National Gallery of Victoria Triennial, Melbourne, Australia; alla Biennale di Atene, Grecia; al Musée Fenaille, Rodez, al Carré d’Art de Nîmes e a Paris La Défense, Francia; a Frieze Sculpture, Londra, Regno Unito; alla Athens Biennale di Atene. K.; la Biennale di Atene, Grecia; al Crystal Bridges Museum of American Art, Bentonville, Arkansas, alla SCAD Museum, Savannah, Georgia, al Museum of Contemporary Art, Chicago, al New Museum e al MoMA PS1, New York, USA; tra gli altri.

Xiaomi

Xiaomi Corporation è stata fondata nell’aprile 2010 e quotata al Main Board della Borsa di Hong Kong (1810.HK) il 9 luglio 2018. Xiaomi è un’azienda di elettronica di consumo e di manifattura intelligente con alla base smartphone e dispositivi smart interconnessi da una piattaforma Internet of Things (IoT).

Abbracciando la visione di “Essere amici dei propri utenti ed essere l’azienda più cool nei loro cuori”, Xiaomi mira costantemente a innovazioni e a un’esperienza utente di alta qualità e un’efficienza operativa. L’azienda costruisce incessantemente prodotti sorprendenti a prezzi onesti per permettere a tutti nel mondo di godersi una vita migliore attraverso tecnologie innovative.

Xiaomi è una delle aziende leader al mondo nel settore degli smartphone. Secondo Canalys, nel secondo trimestre del 2022 la quota di mercato dell’azienda in termini di spedizioni di smartphone è stata la terza a livello globale. L’azienda ha creato la più grande piattaforma AIoT (AI + IoT) consumer con 526,9 milioni di dispositivi intelligenti connessi a essa, esclusi smartphone e laptop, dati aggiornati al 30 giugno 2022. I prodotti Xiaomi sono presenti in oltre 100 mercati in tutto il mondo. Ad agosto 2022, l’azienda è entrata per la quarta volta nella classifica Fortune Global 500, posizionandosi al 266° posto e guadagnando 72 posizioni rispetto all’anno precedente.

Xiaomi è un componente di Hang Seng Index, Hang Seng China Enterprises Index, Hang Seng TECH Index e di Hang Seng China 50 Index.

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.

Questo si chiuderà in 20 secondi

Translate »