NewsTech

Ci ha lasciati Engelbart, l’inventore del mouse

Ci ha lasciati Engelbart, l'inventore del mouse 1

Doug Engelbart, un visionario che ha inventato il mouse e sviluppato la tecnolgia che oggi sftuttiamo per giocare e comunicare, è morto martedì all’età di 88 anni.

 

628x471

La sua morte causata dall’ insufficienza renale acuta, è avvenuta nella sua casa di Atherton, in California, dopo una lunga battaglia con la malattia di Alzheimer. Già nel 1950, quando i dati erano messi su schede perforate, Engelbart aveva previsto un futuro in cui i computer avrebbero permesso alle persone di condividere idee e risolvere i problemi  isnoluti fino a quel momento . Uno dei maggiori progressi tecnologici è stato il mouse, che ha sviluppato nel 1960 e brevettato nel 1970. A quel tempo, era costituito un guscio di legno che copriva due ruote in metallo: un “indicatore di posizione XY per un sistema di visualizzazione.”Engelbart “ha portato un enorme valore per la società”, ha detto Curtis R. Carlson, CEO di SRI International, dove Engelbart ha lavorato quando era ancora conosciuta come la Stanford Research Institute.

“Ci mancherà il suo genio, il calore e il suo fascino. L’ eredità di Doug è immensa. Chiunque utilizza nel mondo un mouse o gode i vantaggi produttivi di un personal computer, è in debito con lui.”

La nozione di operare all’interno di un computer con uno strumento dalla parte esterna ha rappresentato un’idea futurista di Engelbart . Il mouse non è stato disponibile in commercio fino al 1984, con il rilasciato di Macintosh dell’ allora rivoluzionaria Apple. Engelbart ha concepito il mouse così tanto presto, che ne lui ne i suoi colleghi non hanno tratto molto profitto. Il brevetto aveva una durata di 17 anni, consentendo a questa tecnologia di passare come dominio pubblico nel 1987, il che impediva a  Engelbart di raccogliere royalties.Pensate che almeno 1 miliardo di euro sono stati realizzati dalla metà degli anni 1980. Tra gli altri sviluppi chiave di Engelbart nel settore informatico, ricordiamo l’uso di finestre multiple. Il suo laboratorio ha anche contribuito a sviluppare ARPANet, la rete di ricerca del governo che ha portato a Internet.Nel 1997 Engelbart ha vinto il premio più importante per gli inventori americani, 500.000 dollari dati da Lemelson-MIT. Tre anni dopo, il presidente Bill Clinton conferì a Engelbart il premio della  “National Medal of Technology “. Douglas Carl Engelbart era nato 30 Gen 1925, ed è cresciuto in una piccola fattoria nei pressi di Portland in Oregon. Ha studiato ingegneria elettrica presso la Oregon State University, prendendo due anni di pausa durante la seconda guerra mondiale per effettuare il lavoro di tecnico radar nelle Filippine.Proprio in quel periodo lesse  “As We May Think” in una libreria della Croce Rossa, ispirandosi al fatto che una macchina che avrebbe aiutato la cognizione umana.Dopo la guerra, Engelbart ha lavorato come ingegnere elettrico per quello che è ora è l’Ames Research Center della NASA. Suiccessivamente Engelbart lasciò Ames per perseguire il suo dottorato di ricerca presso l’Università di  Berkeley.Ha conseguito successivamente la laurea nel 1955. Nel 1990,ha iniziato a formare l’Istituto Bootstrap.

Sicuramente abbiamo perso una mente veramente importante per la nostra comunità.

 

Via Sfgate.

 

Leave a Response

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<