NewsTech

Gioco online, una moda sempre più social

Gioco online, una moda sempre più social 1

I social network hanno rivoluzionato la vita di tutti. Ormai sembra impossibile passare una giornata senza scorrere la home di Facebook o dare un’occhiata ai cinguettii di Twitter. Con la conseguenza che i social non sono più un’esclusiva dei cittadini privati, ma diventano uno strumento molto utile per aziende di ogni genere. Nel mercato moderno sapersi proporre su tutti i canali di comunicazione, internet compreso, è fondamentale per proporsi al pubblico. Tutti i principali settori di svago hanno imparato a sfruttare il canale social, ma uno su tutti lo ha saputo sfruttare per proporsi a un’utenza più vasta: il gioco d’azzardo.

Numeri da capogiro per il gambling online

Il gambling online ha ottenuto un +16% nell’eCommerce B2c, +8% nel Digital Content, come riporta il blog specializzato Freeslotmachine.it. Numeri da capogiro per un mercato che si appresta a sfondare il miliardo di euro annuo, essendo giunto a quota 821 milioni. Per rendere l’idea di quanto le cifre siano speciali, basta confrontarle con altri colossi dell’intrattenimento. Videogiochi e consolle hanno registrato un aumento non superiore al 4%, il calcio solo il 3%. Molto più indietro teatro e cinema, forse più in difficoltà nel proporsi sui canali social. Se il primo riesce comunque a trovare una crescita del 2%, il secondo è addirittura andato in calo dell’1,4%.

Il fattore social gaming

Il vantaggio principale del social gaming è la possibilità di avvicinarsi al gioco senza spendere denaro. È questa la grande innovazione introdotta da applicazioni come Zynga Poker, che permette agli utenti di Facebook di sfidarsi in una delle specialità più amate usando solo soldi virtuali. In questo modo si attira più clientela, non richiedendo nessun tipo di invio documenti o versamento dal conto corrente. Inoltre si riesce a dar sfogo all’interesse di quella fascia d’età esclusa dal gioco legale, come i minorenni. L’età minima per iscriversi a Facebook è 14 anni, per aprire un account personale su un sito di gambling invece bisogna essere maggiorenni. Spesso quindi il social è il primo passo verso il gioco d’azzardo, in un’età nella quale è più semplice passare del tempo a fare una partitina di poker con gli amici su internet che in qualsiasi altro luogo.

Il profilo dei giocatori

Gli ultimi dati riconoscono che il 9% dei giocatori social ha un’età inferiore ai 21 anni. Un terzo degli utenti è però un uomo tra i 21 e i 35 anni, rimanendo in una categoria molto attiva nel gioco d’azzardo online. I guadagni principali delle aziende che sviluppano applicazioni di social gaming è nella spesa degli utenti, chiamati ad acquistare con denaro vero dei potenziamenti nel gioco. Fattori utili per il successo come chips in Zynga Poker o vite su Candy Crush, giusto per citare due dei maggiori successi a livello globale. Alle aziende di gambling la versione free social conviene anche perché non ha percentuali di vincita controllate dalla legislazione. Allo stesso modo nel poker non è presente il “rake”, la tassa che si paga al gestore in ogni mano di cash game e all’inizio dei tornei. Per quanto riguarda l’aspetto psicologico infine si può instaurare il processo che porta il giocatore a voler rischiare sempre di più. Se all’inizio per provare il brivido di una scommessa può bastare la versione free, con il passare tempo l’asticella si alza. Pur partendo tutto da un giochino social. Capite perché il successo passa anche da Facebook?

Leave a Response

Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<