Pianificazione aziendale: come la affrontano le imprese italiane? 1

Pianificazione aziendale: come la affrontano le imprese italiane?

Nel contesto globale del 2024, la pianificazione aziendale attraversa una fase di trasformazione senza precedenti. Le aziende di tutto il mondo stanno ridefinendo i loro approcci strategici per navigare in un panorama economico caratterizzato da volatilità, incertezza, complessità e ambiguità.

L’accelerazione della digitalizzazione, catalizzata dalla pandemia del 2020, ha continuato a plasmare i modelli operativi, spingendo le aziende verso soluzioni tecnologiche avanzate per rimanere competitive. L’adozione di strumenti basati sull’intelligenza artificiale, l’analisi predittiva e le piattaforme di Extended Planning & Analysis (xP&A) sono diventate la norma, consentendo una pianificazione più agile, dinamica e data-driven.

Questi strumenti offrono alle aziende la capacità di anticipare i cambiamenti del mercato, di adattarsi rapidamente a nuove realtà e di pianificare con una visione a lungo termine, integrando considerazioni di sostenibilità e responsabilità sociale nelle loro strategie. In questo contesto globale, la pianificazione non è più solo una funzione di supporto, ma un motore critico per l’innovazione, la crescita sostenibile e la resilienza aziendale.

La visibilità sulla pianificazione in Italia

Nonostante l’importanza crescente di una pianificazione efficace a livello globale, c’è una marcata mancanza di visibilità su come questo processo si stia evolvendo specificamente in Italia. Le informazioni dettagliate sui metodi, sulle strategie adottate e sui successi ottenuti dalle aziende italiane rimangono scarse, rendendo difficile tracciare un quadro chiaro dell’approccio nazionale alla pianificazione nel nuovo decennio.

Esistono alcune “certezze” sulle quali le aziende possono contare per navigare con successo le acque turbolente. In primo luogo, la realtà VUCA (volatilità, incertezza, complessità e ambiguità) è ormai un dato di fatto, richiedendo un approccio alla pianificazione che sia tanto flessibile quanto robusto. In questo contesto, affidarsi esclusivamente all’analisi di trend passati o a intuizioni personali non è più sufficiente per garantire la resilienza e la crescita aziendale.

Le metodologie di pianificazione devono evolvere per incorporare algoritmi più complessi, che utilizzano l’analisi predittiva e prescrittiva per affrontare le incognite future. È fondamentale misurare la forecast accuracy di ogni ciclo di pianificazione per verificarne l’efficacia, adattando le strategie in tempo reale per mantenere dritto il percorso verso gli obiettivi aziendali.

Un’indagine sullo stato della pianificazione in Italia

Per queste ragioni Axiante ha deciso di lanciare una ricerca per ottenere una visione dettagliata di come le aziende italiane stanno navigando le sfide della pianificazione moderna, evidenziando aree di forza e potenziali gap da colmare per ottimizzare i processi decisionali in un ambiente di mercato sempre più complesso.

L’indagine permetterà di identificare l’estensione dell’adozione degli strumenti Extended Planning & Analysis (xP&A) tra le aziende italiane per la realizzazione di budget e forecast; esaminare la frequenza e l’efficacia dei cicli di pianificazione nelle aziende italiane; determinare l’impiego di metodologie basate sull’intelligenza artificiale nei processi di pianificazione aziendale; valutare come e con quale frequenza viene misurata l’accuratezza dei forecast nelle aziende italiane.

La ricerca interesserà settori chiave: Automotive, High Tech, Chemical, Industrial, Consumer Goods, Media, Real Estate, Freight Logistics, Utilities, Fashion e infine Retail. L’ampia gamma di mercati coinvolti ci permetterà di avere una visione complessiva e dettagliata sullo stato attuale della pianificazione in Italia, offrendo spunti preziosi per il futuro.

La fase di raccolta dati è programmata per il periodo compreso tra maggio e luglio 2024. Questa finestra temporale è stata scelta per consentire una partecipazione ampia e rappresentativa da parte dei settori coinvolti, garantendo al tempo stesso la necessaria diligenza e precisione nella raccolta e nell’analisi delle informazioni.

Al termine della fase di raccolta dati, procederemo con l’analisi approfondita delle risposte per presentare i risultati entro la fine di settembre 2024. Sarà un momento per condividere insight preziosi con tutti i partecipanti e le parti interessate, contribuendo così alla pianificazione e allo sviluppo futuro dei rispettivi settori.

Axiante partner delle aziende italiane in materia di pianificazione

Nel corso degli ultimi anni, Axiante si è distinta nel panorama delle soluzioni xP&A (Extended Planning & Analysis) attraverso un approccio innovativo e personalizzato per rispondere alle esigenze uniche di ogni cliente. Attraverso la personalizzazione avanzata delle principali piattaforme xP&A, abbiamo trasformato i dati in insight azionabili, migliorando in modo significativo il processo decisionale aziendale.

La nostra expertise non si limita alla sola implementazione tecnica, ma abbraccia un ampio spettro di servizi, dalla gestione del cambiamento alla formazione mirata, assicurando una transizione fluida verso nuove tecnologie e massimizzando l’accettazione degli utenti. La capacità di operare trasversalmente su diverse piattaforme software ci consente di selezionare la soluzione più adeguata per ogni specifica esigenza.

Recentemente, Axiante ha intrapreso una partnership strategica con SAS Institute, leader globale nelle soluzioni di analytics e intelligent planning. Questa collaborazione permette di arricchire ulteriormente l’offerta di servizi di Axiante, integrando le avanzate capacità analitiche e di pianificazione intelligente di SAS, e di portare un valore aggiunto alle aziende italiane, fornendo loro gli strumenti per navigare con maggiore efficacia in un ambiente di mercato sempre più complesso e dinamico.

Articolo di Mirko Gubian, Global Demand Senior Manager & Partner di Axiante.

Per saperne di più, visita www.axiante.com.

Translate »