Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 1

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video)

Quando si parte da una campagna di crowdfunding non è mai facile cogliere nel segno e conquistare gli utenti a dare soldi per una cosa che non si sa perfettamente se potrò diventare realtà oppure rimanere una semplice bella idea e niente più.

Ebbene per questo prodotto sono stati raccolti ben €351.261 da 1567 sostenitori, per cui si può dire che l’idea per creare questo oggetto è stata davvero apprezzata fino a raggiungere ben oltre il tetto minimo impostato per poter dare il via alla produzione dello stesso.

Sicuramente siete impazienti di capire di cosa si tratta, visto anche i numeri realizzati per la sua realizzazione, stiamo parlando di uno zaino ma non un semplice zaino visto che in questo caso abbiamo unito anche un aspetto tech oserei dire, rendendolo unico oltre a già tante caratteristiche.

Il prodotto in questione si chiama Airback, uno zaino nato dall’idea di quattro ragazzi che a fronte di tante ore di viaggio hanno voluto realizzare un prodotto che come lo definiscono loro è rivoluzionario, ma non voglio ancora svelare la sua caratteristica unica, continuate a leggere la recensione.

Questi ragazzi a fronte di parecchie frustrazioni di viaggio dato dal sovraccarico e le tasse dei bagagli, hanno voluto creare una soluzione comoda ma allo stesso tempo ecologica e dopo tanti pensieri, idee e prototipi hanno trovato una soluzione ideale; senza togliere praticità ma anche eleganza allo zaino. Il tutto parte da marzo 2020.

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 5

Ma andiamo con calma e partiamo con il dire che Airback è uno zaino fatto ad hoc per i viaggi ed inoltre strizza anche un occhio alla sostenibilità, questo quanto dichiarano sul sito: “Siamo consapevoli della fragilità del nostro pianeta e dell’importanza del ruolo di ciascuno di noi nel preservarlo. Ecco perché ci siamo impegnati in un sistema circolare – permettendovi di rispedirci la borsa quando ha terminato il suo ciclo di vita, dopodiché noi, insieme ai nostri partner, le daremo una nuova vita. Compensiamo tutte le nostre emissioni di carbonio e siamo costantemente alla ricerca di modi per migliorare i nostri sforzi di sostenibilità. Non stiamo solo creando un prodotto; ci stiamo sforzando di creare un futuro migliore per tutti”.

Partiamo dicendo che lo zaino presenta un sacco di tipi di tasche e scomparti cosi da dar modo di avere tutte le nostre cose ordinate ma anche poter inserire tanti oggetti al suo interno, avrai un posto per ogni cosa. Si aggiunga che possiede una cerniera per potersi espandere ed ottenere uno spazio extra, nel caso ne avessimo bisogno.

Dimensioni

49 x 32 x 15-20 cm

20 cm lunghezza massima quando usiamo l’estensione

Senza maniglia di peso: 1,7 kg

Con maniglia di peso: 1,9 kg

Tirato fuori dalla confezione avremo un prodotto solido, ben costruito, ottimi dettagli e materiali sicuramente di livello. 

Nella parte anteriore, composta da un materiale che sembra come gommato, troviamo subito una tasca nella parte superiore, spaziosa per contenere anche delle cuffie richiuse, le chiavi (grazie al comodo laccio interno ma troviamo anche un piccolo moschettone a cui potremo agganciare altro) ed una retina in cui posizionare piccole cose. Su tutta la parte anteriore, grazie a questo materiale gommato, lo zaino risulta completamente resistente all’acqua; come mostrato anche sul sito un getto d’acqua costante non crea problemi.

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 6

Sul retro abbiamo due comode pretese ben rinforzate e ultra soft, con al centro il laccio per tenerle strette al petto, cosi come la parte della schiena possiede due strisce imbottite per non far male alla schiena; al centro dove la schiena è presente anche il comodo laccio per annettere lo zaino ad un trolley. Sempre sul retro nella parte in basso a destra troviamo una piccola tasca segreta con cui potremo mettere il nostro passaporto e altre cose da tenere un pò più nascoste.

Partendo sempre dal retro troviamo il primo scompartimento nel quale inseriremo i nostri prodotti tech come computer, tablet oppure anche dei giornali, riviste; tutto rivestito ed imbottito per proteggere il tutto. Questo scompartimento inoltre presenta lateralmente una chiusura con codice, approvato dalla TSA, utile per annetterlo le nostre fibbie e tenere tutto al sicuro da possibili ladri. Lateralmente troviamo una comoda tasca che si può allargare con una zip in poi possiamo mettere la nostra borraccia oppure un piccolo zaino.

Dall’altra parte abbiamo una chicca davvero niente male, in questo caso potete scegliere al momento dell’acquisto se volete averla o meno, sto parlando di una maniglia ma non una classica maniglia per poter prendere lo zaino come una borsa, ma accendendo il tasto presente su di essa potete calcolare il peso (cambiare la conversione ed anche un piccolo led) del vostro zaino in un batter d’occhio, assolutamente utilissimo!!!

A fianco della maniglia, lato schiena, abbiamo anche una piccola finestrella ben coperta che comprende al suo interno due porte, una USB-A ed una USB-C alle quali possiamo annettere i relativi cavi e poter caricare dei dispostivi mentre siamo in movimento; i rispettivi cavi, a cui andrete ad annettere ovviamente un powerbank, rimangono all’interno nella tasca dove mettiamo computer e tablet.

Dopo aver aperto le fibbie laterali che tengono chiusa la parte centrale dello zaino andiamo ad aprire lo scompartimento fondamentale, il vero pezzo forte di questo zaino.

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 18

Il lembo che aprirete, che rappresenta la parte anteriore dello zaino, possiede due scompartimenti, uno in alto per aggiungere alcune cose e una tasca in basso più grande in cui possiamo aggiungere anche un paio di scarpe; tutta questa parte è composta da un materiale resistente all’acqua e antiodore, il tutto molto solido.

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 19

Adesso andiamo nella parte centrale dove verrà la magia, infatti in quella parte dello zaino troverete una specie di sacca già legata allo zaino. Per aprire la cerniera, molto resistente e sigillata, dovrete prendere la fibbia, che ha un manico in stile ancora, e tirare il tutto aiutandovi anche con un anello posto davanti; vi domanderete coma mai tutto questo procedimento per aprire una semplice sacca incorporata in uno zaino, ebbene per aprire la cerniera dovrete utilizzare un pochino di forza perché deve mantenere il tutto ben sigillato e non far uscire aria.

Recensione Airback: lo zaino “sottovuoto” (a fine recensione anche il video) 20

Tutto ciò è dato dal fatto che questa sacca presenta anche una piccola valvola che utilizzerete per prendere l’aria all’interno della sacca stessa, questo perché la sacca rappresenta un sacchetto sottovuoto e da modo di andare a recuperare lo spazio all’interno dello zaino ed aggiungere altre cose al suo interno. 

Proprio grazie a questa caratteristica lo zaino da 22 litri aumenterà la sua capacità fino a 48 litri, a mio giudizio anche qualcosa di più ma direi comunque niente male.

Per togliere l’aria sarà necessaria la semplice aspirapolvere oppure la comodissima pompa d’aria portatile venduta separatamente dall’azienda. Ho avuto modo di provarla ed è davvero comoda, semplice da trasportare ed usare.

Un piccolo accessorio ma dalle grandi prestazioni. Il design è semplice e solido, non avremo un prodotto fatto di plastica scadente. In ogni caso potrete utilizzarla anche per altre borse od oggetti sigillabili sottovuoto.

Dotata di una batteria ricaricabile.

All’interno della confezione troverete oltre ad una comoda sacca per trasporta ed un cavo USB-A – USB-C, alcuni adattatori. Non dovrete far altro che prendere un adattatore annetterlo nella parte inferiore della pompa, cliccare sul pulsante tenendo lo premuto per sbloccarla (si potete anche bloccarla cosi da non aver paura che si attivi involontariamente), cliccare nuovamente e lei prenderà l’aria all’interno della sacca e la tirerà fuori; direi niente di più semplice.

Conclusione

AirBack risulta essere uno zaino perfetto per qualche giorno (direi 2-3), la qualità ed i materiali sono davvero di assoluto livello.

Comprende molte tasche, una struttura solida ed imbottita nei punti giusti per proteggere la nostra schiena e non appesantire sulle spalle; sia aggiunga la residenza all’acqua nella parte anteriore ed una parte interna composta da un materiale antiodore.

Dalle mie prove i vestiti all’interno della sacca sottovuoto rimangono anche precisi e non si spiegazzano facilmente, li tiene molto fermi al suo interno senza rovinare troppo la stiratura.

Si aggiunga che lo zaino è compatibile con la maggior parte delle misure delle compagnie aree come potrete vedere nel video pubblicato dall’azienda sul loro canale Instagram, sul canale ci sono anche altri video a riprova delle tante cose che questo zaino può contenere. 

Airback è proposto sul loro sito al costo scontato di €199 invece di €299, nella colorazione nera, oppure anche in altri colori al prezzo scontato di €219; è possibile comprarlo anche in abbinato ad altri gadget per avere un ulteriore sconto. La pompa d’aria, da acquistare a parte, costa €69. Nel loro sito potete trovare anche altri utili gadget.

Qui sotto trovate anche la mia video recensione:

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.
Translate »