Recensione SwitchBot Hub 2: il nuovo hub con Matter 1

Recensione SwitchBot Hub 2: il nuovo hub con Matter

Fino a questo momento, nel nostro blog, abbiamo testato molti prodotti in ambito domotico ed allo stesso tempo abbiamo avuto modo di provare qualche hub, che sarebbe il fulcro della smart home senza il quale nulla potrebbe prendere vita.

In attesa che il tanto amato Matter venga implementato su tutto il mercato smart, stanno iniziando ad arrivare vari prodotti compatibili con questo protocollo di comunicazione (il protocollo Matter utilizza una tecnologia di rete mesh). Noi di SocialandTech abbiamo avuto modo di provare il primo prodotto di casa SwitchBot che possiede questo linguaggio di comunicazione: parliamo del nuovo Hub 2, un hub totalmente rivisitato rispetto al precedente e che possiede proprio la compatibilità con Matter. Premiato come reddot winner 2023.

Come detto in precedenza, l’hub risulta il cervello di un ecosistema smart e da modo di fare da ponte tra i vari prodotti connessi alla stessa rete. Hub 2 di SwitchBot rappresenta il primo prodotto dell’azienda compatibile con Matter e con il quale sarete in grado di connettere vari prodotti anche di brand differenti. Con esso riuscirete a far si che vari prodotti smart, che comunicano con i classici protocolli quali Bluetooth e wifi possano essere visualizzati e controllati su HomeKit, Google Home, Alexa e SmartThings e controllati con i rispettivi assistenti vocali, ma come sarà possibile tutto ciò vi domanderete? Grazie al protocollo Matter che li unirà tutti facendoli comunicare con i sistemi domotici presenti, risolvendo l’incompatibilità.

Pertanto è compatibile con Alexa, Google Assistant, Siri, IFTTT, SmartThings e con il nuovo protocollo Matter.

La confezione contiene:

Hub 2

Cavo di alimentazione con sensori per temperatura e umidità

Manuale di istruzioni

Garanzia

Recensione SwitchBot Hub 2: il nuovo hub con Matter 4

Il nuovo Hub 2 ha parecchie novità, sia lato design che interne, in primis possiede un nuovo ed ampio display LED in cui vengono visualizzate in tempo reale la temperatura e l’umidità dell’ambiente circostante, diventando una piccola stazione meteo. Per vedere il display anche al buio troviamo un sensore di luce che agirà di conseguenza in base alla luce ambientale.

Sul display sono presenti 2 pulsanti touch intelligenti con i quali potremo accendere/ spegnere un dispositivo oppure avviare scene accessibili localmente, quindi anche senza smartphone.

Dal modello precedente porta con il sensore ad infrarossi che può duplicare e di conseguenza apprendere i segnali IR di vecchie apparecchiature come soundbar, climatizzatori, televisori ossia tutti i vecchi prodotti con telecomando, facendoli diventare smart, creando all’interno dell’app una serie di dispositivi che rappresentano i vari telecomandi duplicati.

Per iniziare la configurazione del prodotto non dovremo far altro che installare l’app gratuita di SwitchBot ed effettuare l’associazione. In pochissimi e semplici passaggi (tra cui quello di premere contemporaneamente i due pulsanti sull’hub) avremo il nostro Hub attivo e collegato alla nostra rete WiFi.

Recensione SwitchBot Hub 2: il nuovo hub con Matter 9

Le cose che visualizzeremo nella videata principale saranno la temperatura, l’umidità e la luminosità della stanza. Cliccando poi su uno di questi parametri avremo una disamina più dettagliata dello storico (giorno, settimana, mese, anno ed intervallo preciso) e potremo anche esportare i dati.

Recensione SwitchBot Hub 2: il nuovo hub con Matter 10

All’interno dell’app per poter configurare Matter con ad esempio HomeKit di Apple basterà semplicemente cliccare su “Matter” (ancora in beta) per aggiornare l’Hub cosi da iniziare la configurazione (qui trovate un tutorial fatto direttamente dall’azienda).

Sempre dentro l’app sarà possibile anche avere altri dati come la retroilluminazione e suoni, la calibrazione dei sensori, la parte relativa all’NFC ed ovviamente la parte dedicata a Matter; verrà generato un codice da copiare e con esso potremo inserirlo manualmente dentro l’app Casa di Apple ad esempio.

Nell’app Casa di Apple troveremo non solo l’Hub ma anche i dati relativi alla temperatura ed umidità ed anche i prodotti che saranno collegati ad esso; al momento il solo dispositivo che sarà integrabile all’hub ed al protocollo Matter è il solo SwitchBot Curtain (qui la nostra videorecensione) e SwitchBot Blind Tilt (qui la nostra videorecensione). In questo caso avremo visualizzato il motorino per tende che acquisirà la compatibilità con HomeKit e potremo governare le nostre tende anche con Siri.

Dentro l’app di SwitchBot saremo in grado di creare scene, automazioni ed anche dei timer, legati ai nuovi sensori che l’Hub 2 possiede. Ovviamente con la possibilità di associarlo ad HomeKit da modo di poter nell’app Casa di Apple creare delle automazioni e scene con altri dispositivi che già abbiamo e che adesso andremo a sfruttare in abbinato ad Hub 2 ed a SwitchBot Curtain. Insomma in questo caso le soluzione che possono crearsi sono infinite.

CONCLUSIONE

SwitchBot è già da qualche anno che sta creando dispositivi davvero interessanti che hanno come fattore comune quello di essere economici.

I prodotti sono sempre ben costruiti e con buoni materiali, oltre a funzionare perfettamente ed è semplicissimo associarli e farli funzionare.

Uno dei primi ad integrare Matter in un Hub e risulta essere sempre molto attenta in quel che avviene nel mondo della domotica. L’app è ancora molto basica ma con l’ultimo aggiornamento ha acquisito una veste grafica migliore ed ha fatto sicuramente un passo in avanti.

SwitchBot Hub 2 rappresenta il prodotto che potrebbe davvero far fare il salto di qualità all’azienda. Un dispositivo piccolo ed essenziale che convoglia in se parecchie caratteristiche, un device versatile.

Con Hub 2 saremo in grado di gestire più dispositivi appartenenti a diversi ecosistemi e dotati di diverse interfacce di comunicazione, tuto ciò grazie a Matter.

Potete acquistare SwitchBot Hub 2 direttamente sul sito del produttore al costo di € 79,99 oppure su Amazon al costo scontato, al momento in cui sto scrivendo, di € 67,99.

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.

This will close in 20 seconds

Translate »