Ricerca Cornerstone: aumenta la richiesta di una sempre maggiore trasparenza sulle opportunità di mobilità interna 1

Ricerca Cornerstone: aumenta la richiesta di una sempre maggiore trasparenza sulle opportunità di mobilità interna

Lo studio 2023 condotto da Cornerstone e Lighthouse Research mostra come tecnologia, cultura e leadership possano ottimizzare la mobilità dei talenti ad alto impatto.

Milano, giugno 2023 – Cornerstone, principale fornitore di soluzioni per la talent experience, ha presentato i risultati di uno studio globale sull’evoluzione della mobilità dei talenti, che evidenzia la richiesta urgente di visibilità e accesso a opportunità di crescita professionale all’interno delle aziende. Il report Pronti, partenza, crescita: I pilastri di una mobilità dei talenti ad alto impatto, realizzato da Cornerstone People Research Lab in collaborazione con Lighthouse Research & Advisory, è incentrato sulla mobilità interna e punta i riflettori sul ruolo della tecnologia per favorire la crescita dei dipendenti in un panorama dei talenti in continua evoluzione come quello attuale.

Lo studio globale 2023 ha raccolto le opinioni di 1.060 datori di lavoro e 1.000 dipendenti in Europa, Stati Uniti e Asia sull’importanza della mobilità e delle opportunità di crescita professionale all’interno delle organizzazioni. Un dato è emerso molto chiaramente: finita l’era del posto fisso presso un unico datore di lavoro per tutta la vita, aumenta il desiderio dei dipendenti di cambiare, crescere e ampliare le proprie aree di competenza all’interno delle aziende in cui lavorano. Lo sviluppo del talento e la mobilità interna sono richieste costanti della forza lavoro moderna e fattori determinanti per coinvolgere e fidelizzare i dipendenti.

Di seguito, i principali risultati per l’area EMEA:

  • Secondo i responsabili della formazione, il primo strumento attraverso cui la forza lavoro nell’area EMEA ha visibilità sulle opportunità di crescita professionale sono i colloqui con i responsabili.
  • Il 51% dei dipendenti nell’area EMEA dichiara che il miglior modo per la propria azienda di contribuire allo sviluppo delle competenze è offrire opportunità di cambiamento, crescita e arricchimento professionale.
  • Un terzo (33%) delle organizzazioni nell’area EMEA segnala che il proprio personale ha visibilità sulle opportunità di carriera grazie a strumenti tecnologici di vario genere.

Le tecnologie per la mobilità di carriera favoriscono una maggiore fidelizzazione

Lo studio ha rivelato l’impatto profondamente positivo che le tecnologie per la mobilità hanno sull’esperienza dei collaboratori. A livello mondiale, il 73% dei lavoratori vuole conoscere le opportunità di carriera presenti all’interno dell’organizzazione. Inoltre, i dipendenti che dispongono di tecnologie self-service per esaminare le opzioni di mobilità professionale hanno la metà delle probabilità di valutare proposte di lavoro alternative. Non solo: è anche 2,5 volte più probabile che affermino che la loro azienda sta andando nella direzione giusta.

“Le tecnologie per la mobilità interna dei talenti sono per molti aspetti ancora relativamente nuove, ma sono evidentemente in grado di soddisfare le esigenze sia dell’organizzazione sia dei dipendenti”, dichiara Ben Eubanks, Principal Analyst e Chief Research Officer di Lighthouse Research & Advisory. “Per stare al passo con un panorama dei talenti in continua evoluzione, i datori di lavoro dovranno adottare un sistema capace di attrarre, coinvolgere e trattenere i talenti più brillanti. Solo adottando questo tipo di sistema, i datori di lavoro potranno creare una forza lavoro capace di evolvere autonomamente e più incline a crescere all’interno dell’organizzazione, mentre i dipendenti avranno libertà e controllo sul loro percorso di carriera, con benefici per entrambe le parti”.

Le aziende con i risultati migliori danno priorità alla crescita dei dipendenti

Lo studio 2023 evidenzia interessanti correlazioni tra il senso di appartenenza di un dipendente, la sua crescita professionale e il rapporto tra dipendente e responsabile. I collaboratori con un forte senso di appartenenza all’azienda sono più interessati a tutti gli aspetti della formazione, sia per il loro ruolo attuale e futuro sia per interessi personali che non riguardano direttamente il loro lavoro. I dipendenti con uno scarso senso di appartenenza, invece, sono due volte più propensi ad affermare che non valuterebbero altre opportunità di carriera all’interno dell’azienda.

Evidenziando il ruolo chiave dei manager per la soddisfazione lavorativa dei propri collaboratori, lo studio mostra che i dipendenti con forte senso di appartenenza hanno il 190% di probabilità in più di affermare che il loro responsabile favorirebbe il loro percorso di carriera; mentre i dipendenti con scarso senso di appartenenza hanno probabilità sei volte maggiori di affermare che non sanno se il loro responsabile o datore di lavoro verifichi le loro competenze.

“La mobilità dei talenti svolge un ruolo centrale nelle imprese moderne”, afferma Federico Francini, Area Vice President e Country Manager di Cornerstone Italia. “Secondo i dati dell’Osservatorio HR Innovation Practice del Politecnico di Milano, il 94% delle aziende in Italia ha difficoltà ad assumere nuovo personale e per il 74% delle organizzazioni tale difficoltà è cresciuta nell’ultimo anno. A fronte di queste cifre risulta ancora più evidente quanto sia essenziale promuovere la mobilità interna alle aziende e garantire opportunità di crescita e formazione per valorizzare i talenti già presenti.

L’interesse dei dipendenti per le opportunità di crescita professionale è trasversale a ogni fascia demografica

L’interesse dei dipendenti a valutare nuovi progetti e consolidare le competenze esistenti non è limitato ad alcuni gruppi particolari. Entrando nel dettaglio dei risultati per molteplici categorie di dipendenti, la ricerca mette a confronto diverse evidenze basate su fattori quali genere, età e dimensioni aziendali, che dimostrano come sia sempre più indispensabile promuovere il potenziale delle persone a livello individuale. Di seguito alcuni risultati:

  • Le donne che si dichiarano interessate a valutare progetti per acquisire competenze nuove o diverse sono il 33% in più rispetto agli uomini.
  • Le persone di età inferiore a 45 anni che si dichiarano interessate a valutare progetti per creare nuovi contatti e trovare nuovi mentori sono circa il 50% in più rispetto agli over 45.
  • I dipendenti delle grandi aziende (oltre 1000 dipendenti) danno priorità a progetti che consentono di esplorare opportunità interne senza mettere a rischio la loro posizione.

La tecnologia offre un nuovo tipo di esperienza ai talenti

Lo studio Pronti, partenza, crescita: I pilastri di una mobilità dei talenti ad alto impatto richiama l’attenzione sul profondo impatto che l’uso della tecnologia per gestire una strategia di crescita professionale può avere sia sulla soddisfazione professionale del dipendente, sia sul successo dell’organizzazione. Un dato importante dello studio di quest’anno mostra una netta preferenza dei dipendenti per l’utilizzo della tecnologia per valutare le opportunità di carriera rispetto ai colloqui diretti con un responsabile. Secondo lo studio, i dipendenti hanno l’80% in più di probabilità di preferire una tecnologia self-service rispetto a un colloquio con un superiore quando devono valutare le opportunità di carriera all’interno dell’azienda. Inoltre, i dipendenti che hanno accesso a una tecnologia self-service per valutare la mobilità di carriera hanno il 50% in meno di probabilità di accettare proposte di lavoro alternative, rispetto a chi non ha visibilità.

“Sulla base dei risultati dello studio, non c’è dubbio che i dipendenti desiderino ampliare le proprie competenze e richiedano una maggiore trasparenza del percorso di carriera”, sottolinea Francini. “Le aziende che vogliono restare competitive, dunque, devono adottare sistemi HR sempre più sofisticati, che coniughino tre elementi chiave: tecnologie di gestione avanzata delle skill, democratizzazione della formazione e visibilità delle opportunità di crescita interne. Solo in questo modo sarà possibile soddisfare al contempo le aspirazioni dei collaboratori e le esigenze delle aziende”.

Cornerstone

Cornerstone fornisce una piattaforma di talent experience di ultima generazione per formare una forza lavoro a prova di futuro ideata per unire tecnologia, dati e contenuti e per promuovere un ambiente di lavoro improntato alla crescita, all’agilità e al successo per tutti. La piattaforma esperienziale basata sulle competenze, guidata dall’Intelligenza Artificiale e costruita su un’architettura aperta nell’ottica della neutralità e della scalabilità permette alle organizzazioni di modernizzare l’esperienza L&D, offrire i contenuti più rilevanti senza vincoli geografici, accelerare la mobilità di talenti e carriere e fare delle competenze la chiave universale per la crescita e il successo nell’organizzazione. Cornerstone supporta oltre 7.000 clienti e 100 milioni di utenti ed è disponibile in 180 paesi e 50 lingue.

This will close in 20 seconds

Translate »