AppleRecensioni

Tutto ordinato con Hazel

Tutto ordinato con Hazel 1

Il software Hazel per Mac (non disponibile su App Store) è un piccolo-grande tool che ci aiuta a dare maggiore ordine alle nostre cartelle.

Per chi infatti è disordinato e tiene tutto a caso nel suo Mac tipo su download o scrivania oggi grazie a questo programma è infatti possibile creare delle regole per eseguire una serie di operazioni sul file e cartelle in modo tale da mantenere un’organizzato il proprio ambiente di lavoro.

Hazel è un’applicazione che si trova nelle preferenze di sistema, di semplice aspetto. Quando si apre l’applicazione tramite le preferenze di sistema si ha una singola finestra; infatti non ha bisogno di estetica accattivante, la navigazione è facile e auto-esplicativa.

Ci sono tre schede che sono accessibili in Hazel. Il primo, “Folder“, è dove tutta abbiamo le nostre “regole“. La seconda scheda, “Trash“, offre opzioni di cosa fare con i file che sono attualmente nel cestino. Infine, “Info“, contiene poche opzioni; quando ti logghi, e quanto spesso dovrebbe controllare gli aggiornamenti di partenza e se visibile sulla menu bar.

19410_Screen-shot-2011-02-07-at-7.01.22-PM

Un esempio è quello di rinominare in modo automatico i file salvati in una cartella aggiungendo ad esempio la data e l’orario al nome del file.

Altro esempio lampante che troviamo in rete è sempre quello di  fare in modo che il cestino venga svuotato in automatico dopo un periodo prestabilito, oppure al raggiungimento di una certa dimensione. La funzione “App Sweep” inoltre permette di eliminare completamente qualsiasi traccia lasciata da un’applicazione (ad esempio i files di supporto), quando questa viene trascinata nel cestino; evitando infatti di far riferimento ad altre app.

hazel_photostream1

La vera forza di Hazel però risiede nella capacità di gestire diversi flussi di lavoro che possono essere applicati a file o cartelle. Un pò come fa Automator, ma molto molto meglio.

Partendo dalla prima scheda è sufficiente infatti selezionare le cartelle che Hazel deve monitorare e programmare per ognuna di esse le operazioni da eseguire. Per ogni azione è ovviamente possibile impostare l’evento o la causa che farà attivare tale azione e anche avere una Preview della regola(in stile Quicklook) per valutare quali sono i files interessati.

hazel-project

Inoltre, Hazel può automaticamente trovare resti di file da applicazioni che hai eliminato quindi è possibile eliminarli.

Insomma dovete assolutamente provarlo 🙂 un tool più che utile sul nostro Mac che vale sicuramente l’acquisto. Io come tanti aspettiamo con ansia anche la localizzazione in italiano dell’applicazione.

La software house che si chiama Noodlesoft, è in inglese ed ha un costo di circa $29, ma potete provare il programma per 14 giorni.

Leave a Response

Federico Grigolini
Giurista di professione ed amante Apple per passione. La tecnologia mi affascina ed anche nel mio lavoro non posso farne a meno, provare e recensire i prodotti è il mio toccasana.
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<