ScienzaSocialTech

Tyler, un social network del tutto Anonymous

Tyler, un social network del tutto Anonymous 1

Anonymous lancia la sua piattaforma di leaking peer-to-peer e criptata. Che è anche un social network anonimo. Una WikiLeaks decentralizzata, peer-to-peer e perfettamente anonima. In cui tutte le comunicazioni sono criptate. In cui non esiste un comitato redazionale che decide cosa pubblicare e cosa cestinare.

TylerShare

Ma anche un social network che sembra la nemesi perfetta di Facebook: niente nomi e facce reali, solo identità anonime, che però creano reti, amicizie, si scambiano file, messaggi, chat. Contenuti che nessun governo dovrebbe riuscire a conoscere, cioè una piattaforma che agevoli la diffusione di informazioni riservate e scottanti, proprio come WikiLeaks, ribaltandone però completamente il funzionamento.

Diciamo subito che non è facile, sia chiaro. Un po’ per ironia, un po’ per scaramanzia, Tyler – su cui lavora un gruppo di programmatori vicini ad Anonymous – è stata lanciata ufficialmente tra il 21 e il 22 dicembre, in coincidenza con la profezia dei Maya.  Ottima scelta a mio avviso per la RINASCITA di internet.

Social And Tech è andato a dare un’occhiata da dentro per capire esattamente di che si tratta. Dal punto di vista del software, Tyler si basa su RetroShare, una piattaforma di comunicazione decentralizzata open source. Il primo passo dunque è quello di scaricare il client, e di configurarlo secondo alcune indicazioni diffuse dagli ideatori del progetto. RetroShare identifica gli amici di un utente attraverso i certificati crittografici PGP, che sono creati insieme al profilo. Ciò rende le comunicazioni criptate e sicure; nel contempo significa che per diventare amico con qualcuno bisogna scambiarsi le reciproche chiavi PGP. Il PGP ( Pretty Good Privacy) è il programma di crittografia più usato al mondo, e il più vicino a un livello di sicurezza militare, almeno secondo l’esperto di cybersecurity Bruce Schneier.

RetroShare ha tutte le funzioni di un social network: si può inviare mail, chattare in due o in gruppo, scambiare qualsiasi tipo di file, accordare diversi gradi di fiducia ai propri conoscenti, navigare tra canali tematici e forum.

Nel contesto di RetroShare, Tyler è dunque un network interno, un canale, e un work in progress. Soprattutto, è una rete di utenti, e la parte più difficile finora è proprio accedervi, sia per la natura riservata del progetto e di Anonymous, sia perché il network è solo agli inizi, in una fase di pre-beta.

Al momento attuale per ottenere i contatti giusti conviene bazzicare sul canale #optyler di irc.voxanon.org, dove nei giorni scorsi si potevano incontrare utenti che cercavano disperatamente qualcuno con cui scambiare le proprie chiavi PGP e diventare amici. Il che non ha mancato di sollevare critiche sulla sicurezza del progetto. “ Per ora uno dei punti dolenti è proprio come entrare nel network senza esporre la propria chiave PGP”,

Una volta entrati nella comunità di Tyler, si possono vedere i primi file caricati, i primi leaks. Di nuovo, finora nulla di clamoroso: documenti sulla polizia spagnola, o sui comportamenti di alcune telecom. Il fatto è che qui non esiste la figura del leaker, della gola profonda separata dal WikiLeaks della situazione.

Ora come ora ci troviamo nella fase, di costruzione e realizzazione del network. L’obiettivo del progetto è di avere, entro marzo, una speciale versione del client di RetroShare chiamata TylerShare, configurata sulle esigenze specifiche di Anonymous e della piattaforma di leaking che si sta costruendo.

Probabilmente si capirà fra qualche mese se Tyler riuscirà a essere anche in minima parte all’altezza delle sue ambizioni. Una piattaforma di leaking ma più ancora un social network dalle molteplici funzionalità e dalla privacy iper-garantita che secondo me porterà al libero scambio di infomazione o file in totale sicurezza, sarebbe un piccolo passo per noi utenti che vogliamo rimanere liberi per la rete e un grande passo per tutta l’umanità, senza censura e senza restrizioni. Basterebbe quest’ultima idea a far sperare nel suo successo.

Nella speranza che questo fantastico progetto porti libertà e contrasti la censura della rete, vi consigliamo di rimanere sintonizzati per avere maggiori info.

2 Comments

Leave a Response

Fabio Guerrera
Appassionato di sicurezza informatica, analisi dati, ruolo gestionale e di acquisizione clienti tramite il Digital Marketing e Growth Marketing! Il classico cacciatore di teste!
Translate »

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. 

 

>> Cookie Policy <<