Auto elettriche: quanto conviene la mobilità sostenibile? Una panoramica da Wallbox 1

Auto elettriche: quanto conviene la mobilità sostenibile? Una panoramica da Wallbox

Milano, 3 novembre 2022 – Il tema della mobilità sostenibile riguarda un ampio spettro di questioni: da quella ambientale a quella relativa ai consumi, passando per il vasto mondo delle agevolazioni in campo automotive.

Nonostante le nobili motivazioni che spingono in molti a passare all’elettrico, secondo l’ultima ricerca di mercato condotta da Motus-e ad ottobre 2022 i veicoli elettrici a batteria (BEV) in Italia sono circa 160.000 e le immatricolazioni BEV del mese di ottobre hanno registrato un calo del 48% rispetto al 2021: un dato, questo, che si scontra con l’ascesa dell’elettrico negli altri Paesi europei di riferimento, con la Germania che conta ormai circa 200.000 BEV immatricolate da inizio anno e il Belgio che ha registrato una quota di mercato in netta crescita (+81% rispetto all’anno precedente).

Trattandosi di un universo tendenzialmente nuovo, questa scarsa propensione all’elettrico da parte degli italiani può scaturire anche da una conoscenza approssimativa dello stesso. Per questo, soprattutto quando ci si appresta a compiere un investimento in questa direzione, sorgono i primi interrogativi relativi ai possibili pro e gli eventuali contro del passare alla mobilità sostenibile. Per facilitare i consumatori, Wallbox, azienda leader nella fornitura di soluzioni di ricarica per veicoli elettrici e di gestione dell’energia in tutto il mondo, cerca di dare risposta alle domande più frequenti quando si parla di veicoli elettrici (VE).

Quanto sono sostenibili le auto elettriche?

La prima questione che interessa il passaggio ad un veicolo elettrico ha a che fare con l’effettiva sostenibilità di questi rispetto alle auto tradizionali. A questo proposito, la decisione stessa di acquistare un VE diventa un fattore chiave con il quale si cerca di ridisegnare un nuovo paradigma per la  gestione dell’energia. Quest’ultima dev’essere infatti sempre più sostenibile e il cliente, diventato maggiormente consapevole, ha finalmente la possibilità di optare tra l’alternativa che meglio si adatta alle proprie esigenze e convinzioni. Stessa cosa accade quando ci si trova a dover scegliere un caricatore per la propria automobile. Per rispettare dei criteri di sostenibilità, Wallbox, consiglia di puntare a delle soluzioni che siano in grado, anche nel lungo periodo, di garantire questa condizione. Si tratta quindi di rivolgersi a delle batterie capaci di accumulare l’energia prodotta da pannelli solari o da generatori eolici, che se non consumata immediatamente verrebbe persa. Per questo Wallbox dispone per i suoi caricatori AC di alcune funzionalità, come EcoSmart, che guidano effettivamente l’utente verso la transizione a forme di mobilità più sostenibile. I prodotti che rispondono a quest’ultima esigenza e sono abilitati a queste funzioni sono: Pulsar Plus, il caricabatterie piccolo e compatto in grado di prelevare l’energia di cui ha bisogno direttamente dai pannelli solari installati in casa; Copper SB, la soluzione perfetta per soddisfare le esigenze di diversi utenti grazie alla sua presa integrata; e infine Commander 2, il caricabatterie ideale per le aziende che necessitano di un dispositivo semplice e intelligente per i propri dipendenti.

La ricarica dei VE

Permane poi la questione del mercato delle ricariche per i veicoli elettrici che, secondo l’analisi condotta da Motus-e, fino al mese di settembre 2022, conta 32.776 punti di ricarica in 16.700 infrastrutture di ricarica e 13.225 location accessibili al pubblico. Rispetto al mese di giugno, si osserva così un incremento di +2.072 punti di ricarica, +1.026 Infrastrutture e +815 nuove location, mentre facendo riferimento alle rilevazioni del 2019 si può notare una crescita pari al 208%. Complici gli incentivi di questi ultimi anni o un’attenzione sempre maggiore alle questioni relative ad ambiente e risparmio, si tratta di un trend di crescita che fa ben sperare per il futuro della mobilità sostenibile. Bisogna tenere conto che non tutte le colonnine permettono lo stesso grado di risparmio ed è da tenere a mente che la comodità di avere una wallbox in casa non è paragonabile alla ricarica del proprio veicolo tramite un dispositivo pubblico, soprattutto quando questo tipo di infrastruttura non è attrezzata ovunque per fornire la ricarica veloce. Ci sono però sul mercato alcuni prodotti ideali per i contesti pubblici, ed eventualmente aziendali, con un grado di efficienza davvero alto e che consentono all’utente un’esperienza di ricarica ottimale e sicura. Il caricatore Supernova, ad esempio, prodotto da Wallbox può arrivare ad una velocità di ricarica pari a 60kw, garantendo ad una vettura 100km di autonomia in soli 15 minuti, il che permette una sessione di ricarica pienamente in linea con i ritmi e gli impegni quotidiani.

Il costo dei veicoli

Il costo è uno dei due principali ostacoli all’adozione massiccia di veicoli elettrici (l’altro è la mancanza di infrastrutture pubbliche). Infatti un VE costa tra il 20 e il 30% in più di un veicolo con motore a combustione interna (ICE). Le due variabili che bisogna valutare in sede di acquisto e che determinano il prezzo di un auto elettrica sono: la potenza e la durata della batteria. Nonostante in alcuni casi e per determinati modelli il prezzo possa alzarsi notevolmente, c’è da tenere in considerazione che l’investimento fatto viene poi ammortizzato dalla poca manutenzione di cui hanno bisogno questo tipo di vetture, soprattutto se comparate a quelle termiche. Inoltre, da un po’ di tempo a questa parte, complici le direttive a livello europeo, sono stati attivati degli incentivi per l’acquisto. Per la precisione, l’ultimo decreto relativo al comparto automotive emanato dal MISE ha aumentato la portata del precedente bonus, portandolo fino al 50% per le auto con emissioni da 0 a 20 grammi per km di CO2 e da 20 a 60 grammi per km. L’aiuto si rivolge esclusivamente agli acquirenti con un reddito Isee inferiore a 30.000 euro e viene concesso ad un solo membro per nucleo familiare. 

***

A proposito di Wallbox

Wallbox è un’azienda internazionale dedicata a cambiare il modo in cui il mondo utilizza l’energia nel settore dei veicoli elettrici. Wallbox crea dei sistemi di ricarica intelligente che combinano una tecnologia innovativa con un design eccezionale e che permettono di gestire in maniera ottimale il rapporto tra veicolo, fonte energetica, edificio e caricabatterie. L’azienda offre un portafoglio completo di soluzioni di ricarica e gestione dell’energia per uso residenziale, commerciale e pubblico in più di 100 Paesi. Fondata nel 2015, con sede a Barcellona, ha come missione principale quella di promuovere l’adozione di veicoli elettrici nel mondo, garantendo un uso più sostenibile dell’energia. L’azienda impiega circa 1.000 persone in Europa, Asia e Americhe.

Contatti

Ufficio stampa Wallbox

Theoria – Laura Mantovani/Giulia Boniello

laura.mantovani@theoria.it/giulia@theoria.it

393 9859409/333 7133990

Dichiarazioni previsionali di Wallbox

Il presente comunicato stampa contiene “dichiarazioni previsionali” ai sensi della Sezione 27A del Securities Act e della Sezione 21E del Securities Exchange Act del 1934, e successive modifiche. Tutte le dichiarazioni contenute nel presente comunicato stampa che non si riferiscono a fatti storici sono da considerarsi dichiarazioni previsionali, comprese, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le dichiarazioni relative ai tempi di raggiungimento degli obiettivi di Wallbox in materia di emissioni. In alcuni casi, le dichiarazioni previsionali possono essere identificate da termini quali “anticipare”, “credere”, “può”, “continuare”, “potrebbe”, “stimare”, “aspettare”, “prevedere”, “intendere”, “può”, “potrebbe”, “pianificare”, “possibile”, “potenziale”, “prevedere”, “progetto”, “dovrebbe”, “sarà” o il loro contrario o terminologia simile, ma l’assenza di questi termini non significa che la dichiarazione non sia previsionale. Tali dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi, incertezze e altri fattori che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali, inclusi quelli discussi alla voce “Fattori di rischio” nell’emendamento post-effettivo n. 3 alla dichiarazione di registrazione di Wallbox sul modulo F-1 (file n. 333-260652) depositato da Wallbox. 333-260652) depositata il 28 settembre 2022, così come tali fattori possono essere aggiornati di volta in volta negli altri documenti depositati presso la SEC, accessibili sul sito web della SEC all’indirizzo www.sec.gov e nella sezione Investors Relations del sito web di Wallbox all’indirizzo investors.wallbox.com. Questi e altri fattori importanti potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli indicati dalle dichiarazioni previsionali contenute nel presente comunicato stampa. Qualsiasi dichiarazione previsione contenuta nel presente comunicato stampa è valida solo alla data della dichiarazione stessa. Salvo quanto previsto dalla legge, Wallbox declina qualsiasi obbligo di aggiornare o rivedere, o di annunciare pubblicamente, qualsiasi aggiornamento o revisione delle dichiarazioni previsionali, sia a seguito di nuove informazioni, che di eventi futuri o altro.

Massimo Uccelli
Fondatore e admin. Appassionato di comunicazione e brand reputation. Con Consulenze Leali mi occupo dei piccoli e grandi problemi quotidiani delle PMI.
Translate »