La convergenza della security negli ambienti IT-OT è la chiave per la gestione del rischio 1

La convergenza della security negli ambienti IT-OT è la chiave per la gestione del rischio

L’ultimo studio Trend Micro rivela che le maggiori lacune di cybersecurity si riscontrano nei processi di rilevamento e risposta negli ambienti OT.

Milano, 25 luglio 2023 – I Security Operation Centers (SOC) aziendali estendono le proprie capacità al mondo OT, ma le sfide legate alla necessità di una visibilità maggiore e alla mancanza di competenze, creano rallentamenti. Il dato emerge da “Breaking IT/OT Silos with ICS/OT Visibility”, l’ultimo studio Trend Micro, leader globale di cybersecurity.

“La convergenza tra gli ambienti IT e OT influenza la trasformazione digitale di molte organizzazioni industriali e per gestire efficacemente i rischi in questi ambienti è necessario far convergere anche le operazioni di sicurezza (SecOps)”. Ha affermato Alex Galimi, SE Team Leader Trend Micro Italia. “I programmi di sicurezza OT potrebbero essere in ritardo, ma esiste una concreta opportunità di colmare il divario di visibilità e competenze, implementando un’unica piattaforma SecOps come Trend Vision One.”

Lo studio rivela che la metà delle organizzazioni ha a disposizione un SOC aziendale che offre un discreto livello di visibilità ICS/OT. Tuttavia, anche nei casi in cui il campione può usufruire di un SOC maggiormente “esteso”, solo la metà (53%) riesce a rilevare inform azioni negli ambienti OT. Questa mancanza è evidenziata anche da un altro dato: la funzionalità principale che gli intervistati desiderano integrare negli ambienti IT e OT è il rilevamento di eventi cyber (63%). A seguire, l’inventario degli asset (57%) e l’identity and access management (57%).

Essere in grado di rilevare gli eventi negli ambienti IT e OT è fondamentale per identificare le cause alla radice e prevenire minacce future, che potrebbero potenzialmente interrompere le operazioni.


Secondo lo studio, il rilevamento e la risposta negli endpoint (EDR) e il monitoraggio della sicurezza della rete interna (NSM – network security monitoring) sono gli strumenti principali in grado di fornire informazioni sulle cause di un attacco. Tuttavia, meno del 30% delle organizzazioni utilizza soluzioni EDR in ambienti OT.

Nel mondo OT, il monitoraggio della sicurezza della rete è raramente (<10%) implementato a livello di processi fisici o controlli base. Oltre le lacune di visibilità, lo studio rivela quali sono le sfide principali che riguardano le persone e i processi nel momento in cui si devono implementare strategie di cybersecurity negli ambienti IT e ICS/OT.

Quattro criticità su cinque riguardano il personale:

  • Formare il personale IT sulla OT security (54%)
  • Mancanza di comunicazione tra le diverse aree (39%)
  • Assumere e trattenere staff competente (38%)
  • Formare il personale OT sull’IT (38%)
  • Visibilità sui rischi insufficiente tra i domini IT e OT (38%)

Anche le tecnologie legacy sono citate come ostacoli all’efficacia della security negli ambienti OT. Le principali sfide sono, infatti, i limiti dei dispositivi e delle reti legacy (45%), le tecnologie IT non progettate per gli ambienti OT (37%) e la mancanza di competenze OT da parte del personale IT (40%).

Per il futuro, il campione afferma di voler raddoppiare gli sforzi per far convergere le SecOps tra gli ambienti IT-OT e ottenere una maggiore visibilità sulle minacce OT.

Due terzi delle organizzazioni (67%) prevede di estendere il proprio SOC e tra quelle che hanno già implementato soluzioni EDR, il 76% prevede di espandere questa tecnologia negli ambienti ICS/OT nei prossimi 24 mesi. Inoltre, anche il 70% delle aziende che ha già aggiunto funzionalità NSM prevede di estenderle nello stesso periodo di tempo.


Metodologia e campione della ricerca

Lo studio è stato curato dal SANS Institute, che ha intervistato un campione di 350 professionisti ICS/OT che operano nei settori delle infrastrutture critiche negli Stati Uniti, in Europa e in Asia.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo link.


Trend Micro
Trend Micro, leader globale di cybersecurity, è impegnata a rendere il mondo un posto più sicuro per lo scambio di informazioni digitali. Con oltre 30 anni di esperienza nella security, nel campo della ricerca sulle minacce e con una propensione all’innovazione continua, Trend Micro protegge oltre 500.000 organizzazioni e milioni di individui che utilizzano il cloud, le reti e i più diversi dispositivi, attraverso la sua piattaforma unificata di cybersecurity. La piattaforma unificata di cybersecurity Trend Micro One abilita tecniche avanzate di difesa dalle minacce, rilevamento e risposta estesi (XDR) e si integra con i diversi ecosistemi IT, inclusi AWS, Microsoft e Google, permettendo alle organizzazioni di comprendere, comunicare e mitigare al meglio i rischi cyber. Con 7.000 dipendenti in 65 Paesi, Trend Micro permette alle organizzazioni di semplificare e mettere al sicuro il loro spazio connesso.  www.trendmicro.com.

Translate »